Salute e benessere

L’anemia in gravidanza

Il termine anemia sta ad indicare, non una sola, ma più condizioni di una carenza dell'emoglobina che circola nel sangue all’interno dei globuli rossi (eritrociti).
L’anemia in gravidanza

L’anemia in gravidanza

L’anemia, come si sà é un disturbo dovuto ad una riduzione dell’emoglobina presente nei globuli rossi al di sotto dei valori normali, che determina una riduzione della capacità del sangue di trasportare ossigeno in tutti i tessuti del nostro corpo.

Quando il nostro corpo non riceve la quantità necessaria di ossigeno, viene meno la piena funzionalità dei nostri organi.

Quindi, in gravidanza l’anemia è una condizione avente una potenziale pericolosità, anche associata alla nascita di bambini sottopeso, ai parti prematuri, e perfino alla mortalità materna.

Rispetto alle altre donne, le donne incinte hanno un rischio maggiore di sviluppare un’anemia a causa della loro necessità di mantenere anche il feto.

anemia in gravidanza

L’anemia in gravidanza, se viene contrastata agli inizi può essere una condizione facile da curare.

Tuttavia se viene sottovalutata potrebbe trasformarsi in una situazione pericolosa, sia per la mamma che per il bambino.

I tipi di anemia in gravidanza

I tipi di anemia in gravidanza

Ci sono più di 400 tipi diversi di anemia, ma nel corso della la gravidanza i tipi più comuni sono i seguenti

anemia da carenza di folati

  • L’acido folico e i folati sono vitamine del gruppo B (sono infatti indicati come vitamina B9).
  • L’acido folico è una vitamina solubile, in grado di prevenire lo sviluppo di difetti del tubo neurale durante la gravidanza.
  • L’acido folico viene solitamente assunto dalle donne incinte sotto forma di integratore alimentare, ma lo si può anche trovare in diversi alimenti: ne sono ricchi, i cereali, i vegetali a foglia verde, le banane, i meloni ed i legumi.
  • Una dieta che sia povera di acido folico può comportare un numero ridotto di globuli rossi nel sangue, causando quindi un’anemia.

anemia da carenza di vitamina B12

  • Anche la vitamina B12 serve alla produzione dei globuli rossi.
  • Nonostante alcune donne assumano una quantità sufficiente di vitamina B12 tramite la normale dieta, occorre considerare che è possibile che questa vitamina non venga trattata/lavorata correttamente dal loro organismo, e che quindi si possa ugualmente avere una deficienza di questa vitamina.

anemia da carenza di ferro

  • La carenza di ferro è la principale causa di un’anemia durante la gravidanza, ed è anche la più comune: si verifica una deficienza di ferro in circa il 15-25% di tutte le gravidanze.
  • Il ferro è un minerale che è presente nei globuli rossi, utile oltre che a permettere ai muscoli di avere delle riserve di ossigeno pronte durante lo sforzo, anche per portare l’ossigeno dai polmoni al resto del corpo.
  • Quando c’è una carenza di ferro, il corpo si affatica, ed è anche meno resistente alle infezioni.
Le possibili cause dell’anemia

Le possibili cause dell’anemia in gravidanza

Ci sono varie cause di un’ anemia che incidono sulla quantità e sulla qualità dei globuli rossi prodotti nell’organismo.

Durante la gravidanza si verifica un calo del livelli di emoglobina, calo dovuto all’espansione del volume plasmatico che supera l’aumento dei globuli rossi. Questo disequilibrio che viene a prodursi, è massimo durante il secondo trimestre di gravidanza.

Vediamo adesso alcune delle possibili cause di un’anemia nel corso di una gravidanza. Potrebbero essere costituite da,

  1. una carenza di ferro nella dieta, dovuta al fatto di non assumere abbastanza cibi ricchi di ferro,
  2. oppure dall’inabilità del corpo della donna di assorbire il ferro ingerito;
  3. dalla gravidanza stessa, poiché il ferro è necessario per aumentare il volume di sangue necessario e, senza un’integrazione di ferro, non sempre ce n’è abbastanza per poter supportare la crescita del feto;
  4. da un flusso mestruale intenso;
  5. da ulcere o da polipi;
  6. da donazioni di sangue.
I vari sintomi di un’anemia

I vari sintomi di un’anemia

I sintomi di un’anemia durante la gravidanza possono essere leggeri, e in un primo momento possono anche passare inosservati. Tuttavia, mano a mano che la condizione anemica va avanti i sintomi peggiorano.

É comunque importante tener anche presente che alcuni sintomi potrebbero essere dovuti anche a cause diverse dall’anemia e, per questo motivo, è sempre bene discuterne con il medico.

Alcuni dei sintomi comuni dell’anemia sono costituiti,

  • da un’affaticamento e dalla debolezza,
  • dalla confusione,
  • da un battito cardiaco rapido ed irregolare,
  • da un dolore al petto,
  • da un pelle, labbra ed unghie pallide,
  • da mani e piedi freddi,
  • da problemi nel concentrarsi.
I rimedi contro l’anemia

I rimedi contro l’anemia in gravidanza

In linea generale, un’anemia durante la gravidanza può essere facilmente curata integrando la dieta quotidiana anche con degli integratori di vitamine o ferro.

Ciò solitamente è sufficiente per invertire il corso dell’anemia. Solo in rari casi, le donne che hanno una grave anemia hanno la necessità di una trasfusione.

Cosa mangiare per prevenirla

Cosa mangiare in gravidanza per prevenirla

Prevenire l’anemia in gravidanza è spesso possibile solo cambiando od integrando la dieta abituale con determinati alimenti.

In generale, i medici raccomandano alle donne incinte di assumere durante i tre pasti 30 mg di ferro al giorno. Gli alimenti che sono ricchi di ferro sono,

  • le carni rosse sgrassate e pollame,
  • le uova,
  • le verdure a foglia verde scura come i broccoli, le verze e gli spinaci,
  • la frutta secca ed i semi,
  • i legumi ed il tofu.

I cibi ricchi di vitamina C possono inoltre aiutare l’organismo ad assorbire il ferro, quindi spesso viene consigliato alle donne di assumere anche questa vitamina.

Dato che nel corso della gravidanza potrebbe essere difficile assumere ferro a sufficienza, oltre che modificare la propria dieta, è raccomandabile valutare insieme al medico se assumere anche degli integratori di ferro.

 

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci iscrivendoti alla nostra Newsletter, oppure puoi anche seguirci su Facebook.