Accessori per il neonato

La bilancia per neonati

Con questo articolo cercheremo di trasformare un possibile "incubo da pesatura del neonato" in una serena routine, ed anche di scoprire i marchi, i diversi tipi, e dove poter acquistare una bilancia per neonati.

L’acquisto di una bilancia-neonati

Perché acquistarne una? Perché la bilancia per neonati è lo strumento più utilizzato per monitorare la crescita e lo sviluppo del neonato a livello casalingo. Ma anche per un’altra serie di ragioni.

Per il suo costo. Prima dell’avvento di quelle digitali, le bilance per neonati erano relativamente costose. Oggi invece con meno di 50 euro, si può acquistare una bilancia-base di marca, e ciò rende poco conveniente noleggiarla: al punto da non giustificare il costo di un suo eventuale noleggio

Per la serie storica delle misurazioni. L’andamento del peso del bambino nel tempo, è un dato che è utile sopratutto al pediatra. Nel caso di eventuali problemi, la serie storica delle misurazioni del suo peso (ma anche della sua temperatura, ecc) è sempre utile al pediatra: l’andamento dei valori misurati lo aiuta nella sua valutazione dei problemi.

Perché conviene. Acquistare una bilancia per neonati costa meno che programmare un check-up settimanale presso uno specialista e poi pesare in quell’occasione il bebè.

Per la precisione delle rilevazioni. Grazie alle moderne tecnologie digitali, se fatte correttamente, le misurazioni  con una bilancia digitale casalinga per neonati possono essere anche molto precise.

Quale bilancia per neonati scegliere

bilancia manuale (meccanica)

Questa tipologia di bilance, nella maggior parte dei casi necessita di una taratura manuale prima di ogni operazione di pesatura.

Quanto alla loro precisione, quelle manuali professionali sono molto precise, mentre quelle meccaniche per uso casalingo hanno una qualità ed una precisione (relativamente) “variabili”  in relazione sopratutto al loro costo d’acquisto.

La maggior parte delle bilance manuali per neonati da utilizzare a casa propria è in grado comunque di arrivare a delle misurazioni anche di 10 grammi.

Alcune di queste bilance hanno (come le bilance digitali) il vassoio staccabile il che consente un loro “doppio utilizzo” : cioè  quello di pesare il neonato e  – sostituendo il vassoio – quello di pesare  gli alimenti.

bilancia digitale

Le bilance digitali sono costituite,

  • da un vassoio (fisso o staccabile) dotato di un telo lavabile su cui mettere il bambino,
  • da un sensore di pestatura,
  • dalla console.

Anche alcune di queste bilance possono avere un “doppio utilizzo”, nel senso che non servono solo per i neonati, ma possono essere utilizzate per pesare quei bambini che pesano anche fino a 25 kg.

Indipendentemente dalla loro marca, le bilance elettroniche consentono di fare un’operazione di pesatura pratica, veloce, precisa, e semplice.

Alcune di queste hanno un programma anti-vibrazioni in grado di eliminare l’impatto dei movimenti del bambino sulle letture dei valori misurati.

Altre sono dotate dello spegnimento automatico (dopo qualche decina di secondi che non si utilizzano) e di una musica “rilassante” per il bebè.

La maggior parte di questo tipo di bilance sono alimentate a batteria e, conseguentemente possono essere spostate con molta facilità da un’ambiente all’altro.

La bilancia e l’ansia della pesatura

La bilancia per neonati è lo strumento maggiormente utilizzato a livello casalingo per monitorare in modo sistematico la crescita e lo sviluppo del neonato: dopotutto non restano molte altre soluzioni altrettanto facili da poter adottare.

E poi, una delle più frequenti domande che vengono per consuetudine rivolte alle neo mamme riguarda il peso del bebè.

  • Questa semplice richiesta ripetuta da ogni singola persona, più volte nel corso dell’allattamento è sufficiente a creare alla donna l”ansia della bilancia”: quasi che quelle che non si preoccupano continuamente del peso del neonato non fossero delle buone mamme.

E per molte donne, non a caso, questo piccolo innocuo apparecchio si trasforma in un grande incubo.

Sarà il tuo pediatra, se non lo avesse già fatto, a dirti ogni quanto tempo pesare il tuo neonato. Di solito viene raccomandata la pesatura una volta alla settimana, prima della pappa, senza vestiti e – possibilmente – sempre alla stessa ora.

In ospedale, prima e dopo ogni poppata avranno probabilmente pesato due volte il tuo bebè. Tuttavia, a meno che te la “imponga” il medico, questa è una pratica che occorre dimenticare o quanto meno non praticare.

Infatti ai neonati di solito non piace la bilancia, e per i genitori il controllo del peso diventa un’enorme fonte di stress.

Allo stress di di doversi ricordare di farlo spesso, si aggiunge lo stress della lettura del peso che, inevitabilmente, è accompagnata da una serie di domande e dubbi: “pesa troppo poco?”, “sta mangiando abbastanza?”, ecc.

Se poi l’operazione di pesatura diventa giornaliera o quando (addirittura) questa è una doppia pesatura, l’operazione-peso diventa un vero e proprio incubo.

Infatti le enormi trasformazioni/rivoluzioni che avvengono nelle prime settimane di vita nel neonato non sono lineari.

  • Ad esempio, è normale che nei primi giorni dopo il parto, il bebè perda peso (fino anche al 10% della sua massa corporea) in quanto con il primo latte materno (il colostro) non riesce a compensare le quantità di urina e feci (il meconio) espulse.
  • Nelle settimane successive alle prime due, e fino alla quarta-quinta settimana, l’aumento di peso varia in media dai 150 ai 200 grammi alla settimana.
  • Con la quarta-quinta settimana, l’aumento dovrebbe essere più ridotto, all’incirca di 100 grammi alla settimana (in media).

L’espressione “in media” sta a significare che ogni bambino è un caso a sé stante, e che dunque non bisogna “sotilizzare” e preoccuparsi troppo del suo peso.

Infatti solo un pediatra, considerato il peso del bambino in combinazione con tutta una serie di altri fattori, è in grado di valutare se la crescita del neonato (ed anche in peso) è adeguata oppure se è insufficiente.

Come usarla per pesare il neonato

L’approccio. Il primo passo per poter utilizzare correttamente una bilancia per neonati è quello di imparare ad usarla con serenità e senza particolare apprensione.

Devi solo limitarti a fare le misurazioni, ad annotarle e, portarle al pediatra quando ci vai: comunque se il bebè è vivace, se mangia e de beve, se sporca i pannolini 5-8 volte al giorno, allora puoi stare serena.

Per migliaia di anni, miliardi di neonati in tutto il mondo sono cresciuti – ed ancora crescono – serenamente senza le bilance.

L’operazione di pesatura. Premesso che una misurazione accurata va fatta il più rapidamente possibile perché il bambino potrebbe prendere freddo durante la rilevazione, ecco quali sono le corrette operazioni per pesare a casa propria il bambino a casa:

  1. posizionare la bilancia sopra una superficie sicura, stabile e piana;
  2. mettere un panno morbido e confortevole sul vassoio della bilancia;
  3. tarare la bilancia (che dovrà essere in grado segnare anche i grammi) quando questa deve sopportare anche al peso dei un panno;
  4. spogliare il bambino togliendogli anche il pannolino;
  5. fare subito la misurazione e poi rivestire il bimbo;
  6. registrare il peso rilevato, la data e l’ora dell’operazione;
  7. registrare le eventuali osservazioni;
  8. pulire la bilancia.

Acquistarne una online

Per chi fosse interessato, ecco alcuni modelli di bilance per neonati che è possibile acquistare anche online.

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci iscrivendoti alla nostra Newsletter, oppure puoi anche seguirci su Facebook.