Vai al testo
Gravidanza 360° logo

Blastula: definizione, formazione e segmentazione

Cos'è la blastula? Dove si trova? Quando di forma e che cosa precede? In questo articolo risponderemo a queste ed altre domande sullo sviluppo embrionale.

Blastula

Blastula

La blastula, nota anche come blastosfera, è una struttura di forma circolare o ellittica, formata da 6-32 celle che si forma dopo che uno zigote subisce la divisione cellulare, ma prima che le sue cellule si siano differenziate.

Lo sviluppo di organismi multicellulari inizia da uno zigote unicellulare, che subisce una rapida divisione cellulare (CDC) per formare la blastula. Dopo che la segmentazione ha prodotto oltre 100 cellule, l'embrione viene chiamato blastula. La blastula è solitamente uno strato sferico di cellule (il blastoderma) che circonda una cavità piena di liquido (il blastocele).

I mammiferi in questa fase formano la blastocisti, una struttura caratterizzata da una massa cellulare interna distinta dalla blastula circostante. Durante la segmentazione, le cellule si dividono senza aumento di massa; cioè, un grande zigote unicellulare si divide in più cellule più piccole. Ogni cellula all'interno della blastula è chiamata blastomero.

La segmentazione può avvenire in due modi:

  • segmentazione oloblastica (totale)
  • segmentazione meroblastica (parziale).
    Il tipo di segmentazione dipende dalla quantità di tuorlo (deutoplasma) presente nelle uova. Negli esseri umani - e in tutti gli altri mammiferi placentati - dove il nutrimento è fornito dal corpo della madre, le uova hanno una quantità molto piccola di tuorlo e subiscono la segmentazione oloblastica.

Altre specie, come gli uccelli, con molto tuorlo nell'uovo per nutrire l'embrione durante lo sviluppo, subiscono la segmentazione meroblastica.
Nei mammiferi, la blastula forma la blastocisti nella fase successiva dello sviluppo.

Nella blastocisti le cellule della blastula si dispongono in due strati:

  • la massa cellulare interna anche conosciuta come embrioblasto L'embrioblasto andrà a formare l'embrione.
  • uno strato esterno chiamato trofoblasto. Il trofoblasto contribuirà alla placenta e nutrirà l'embrione.
A cura di: Adele Paparotti
Ultima revisione dell'articolo: 2022-05-02