Calcolo delle settimane di gravidanza (e data parto)

Una gravidanza dura circa quaranta settimane (ovvero 280 giorni).

Fino alla prima ecografia  – con molta probabilità fatta verso la dodicesima settimana – non si è in grado di datare in modo preciso il periodo di gestazione e di determinare la data del parto. Tuttavia, grazie ad un semplice calcolo è possibile stimare in modo abbastanza preciso la datazione di una gravidanza in corso.

Calendario delle settimane di gravidanza

La convenzione sulla datazione della gravidanza

La conta della settimane di gravidanza viene fatta secondo una convenzione (internazionale) e NON corrisponde con l’effettivo incontro tra spermatozo e ovulo, come alcune persone credo.

I tempi (settimane, mesi, trimestri) della gravidanza si iniziano a conteggiare dalla data delle ultime mestruazioni (quindi 10-15 giorni prima dell’effettiva fecondazione)

Di conseguenza, durante le prime due settimane di gravidanza tecnicamente il bambino non esiste (se non come speranza/intenzione dei futuri genitori).

Non si tratta di una “stupida convenzione”, fatta per complicare il calcolo, ma piuttosto di uno stratagemma nato per per introdurre maggiore precisione nella conta: la stragrande maggioranza delle donne conosce la data di inizio delle ultime mesturazioni, mentre la data di incontro tra spermatozo e ovulo non è quasi mai certa (anche se al giorno d’oggi ci sono modi per conoscerla).

Inoltre, fa fatto presente che la maggior parte delle future mamme si accorge di essere incinta al compimento della 4° settimana, cioè quando entra nella quinta.

Il calcolo delle 40 settimane di gravidanza

Per il calcolo delle settimane dovrai ricordare la data delle tue ultime mestruazioni.

Il primo giorno delle ultime mestruazioni è il primo giorno di gravidanza.

Individuato tale giorno, grazie al nostro nostro pratico calcolatore di gravidanza, potrai scoprire in quale settimana  ti trovi attualmente e calcolare la data prevista di nascita del bebé.

Come è intuibile dalle premesse, utilizzando tale calcolatore la stima delle settimana di gravidanza, è tanto  più approssimata quanto più è regolare il ciclo mestruale.

Solo con la prima ecografia sarà possibile avere una data di nascita più precisa e quindi confermare la corretta datazione della gravidanza.

Mesi, settimane o trimestri?

Nella vita di tutti i giorni, con familiari, amici e conoscenti parlerai sempre di mesi. “A che mese sei?”, è una domanda che ti sentirai fare centinaia di volta.

Ma in realtà, sarebbe più opportuno parlare di settimane. Non a caso è sulla base delle settimane che si stima (prima) e conferma (in un secondo momento) l’epoca gestazionale e la data presunta del parto.

Anche noi, in questo sito, facciamo sempre riferimento alle settimana di gravidanza.

L’addove la settimana è un intervallo troppo breve da considerare, faremo invece riferimento al trimestre.

A dire il vero, volendo ancora essere più precisi, si può tenere anche conto dei giorni di gestazione il regolo ostetrico, ad esempio.

La data del parto

Anche se comunemente ci si riferisce alla gravidanza parlando di 40 settimane bisogna ricordare che non è mai possibile stabilire con certezza la data effettiva in cui verrà alla luce il bambino: potresti partorire anche prima o dopo.

I bambini nati prima della 37° settimana vengono definiti pre-termine; quelli nati tra la 37° settesima e la 42° settimana a termine; quelli nati oltre post-termine. In genere, se il travaglio non inizia entro 8-10 giorni dopo il termine i medici decidono di indurlo.

Corrispondenza tra settimane e trimestri

PRIMO TRIMESTRE SECONDO TRIMESTRE  TERZO TRIMESTRE
SETTIMANA 1 -2° 14° 27°
15° 28°
16° 29°
17° 30°
18° 31°
19° 32°
20° 33°
21° 34°
10° 22° 35°
11° 23° 36°
12° 24° 37°
13° 25° 38°
26° 39°
40°

Corrispondenza tra settimane e mesi

SETTIMANA + GIORNO 1° MESE 2° MESE 3° MESE 4° MESE
Da settimana 0 4 8 13
+ giorno 0 4 6 2
A settimana 4 8 13 17
+ giorno 3 5 1 4

 

5° MESE 6° MESE 7° MESE 8° MESE 9° MESE
Da 17 22 26 30 35
5 0 3 5 1
A 21 26 30 35 40
6 2 4 0 0