Come dormire in gravidanza

I futuri genitori sanno già che sarà arduo riuscire ad dormire per un’intera notte dopo l’arrivo del bambino, ma chi poteva immaginare che fosse così difficile dormire anche in gravidanza?

In realtà, ti potrebbe capitare di dormire più del normale durante il primo trimestre della gravidanza. Infatti è normale sentirsi più stanche, perché il corpo sta lavorando per proteggere e per nutrire il feto. La placenta (quell’organo che nutre fin dalla nascita prima l’embrione, poi il feto) si sta formando, l’organismo produce più sangue ed il cuore pompa di più.

Di solito nel corso della gravidanza, la maggior parte delle donne ha dei problemi a dormire bene, a dormire senza interruzioni più in la.

dormire in gravidanzaCause dei disturbi del sonno

La ragione principale che sta dietro a questi problemi é dovuta all’aumento della dimensione del feto, che può rendere difficile trovare una posizione comoda per dormire.

Se hai sempre dormito prona o supina, potresti avere dei problemi ad abituarti a dormire sul fianco (come raccomandano i medici).

Inoltre, col passare del tempo, il girarsi e il cambiare posizione nel letto diventa sempre più difficile, perché tu stessa diventi sempre più ingombrante.

Le altre ragioni che possono determinare una difficoltà ad iniziare ed a mantenere un sonno ristoratore. possono essere dovute a:

  • uno stimolo frequente alla minzione. I tuoi reni lavorano di più per filtrare il maggiore volume di sangue nel tuo corpo; inoltre, con il progressivo ingrandimento del tuo bambino e quindi dell’utero, aumenta la pressione sulla tua vescica.
  • un’accelerazione del battito cardiaco. Il tuo battito cardiaco aumenta per pompare più sangue, e poiché la maggior parte di questo va all’utero, il cuore lavora di più per “coprire” il resto dell’organismo.
  • il fiato corto. L’aumento degli ormoni della gravidanza ti fa respirare più profondamente. Potresti sentirti come se facessi più fatica a respirare. Più avanti nella gravidanza, il respirare diventa più difficile poiché l’utero diventa sempre più ingombrante, esercitando una pressione sul diaframma (il muscolo sotto i polmoni).
  • dei crampi alle gambe e mal di schiena. Il  maggior peso che devi portare può darti dolori alla schiena o alle gambe.
  • dei bruciori di stomaco o costipazione. Nel corso della gravidanza, l’intero apparato digerente rallenta, ed il cibo rimane più a lungo nello stomaco e nell’intestino. Ciò potrebbe causare dei bruciori di stomaco e costipazione.
  • lo stress. Magari sei preoccupata per la salute del tuo bambino, o sei ansiosa ricerca le tue capacità di fare la mamma, o ti senti nervosa per il prossimo parto.

La posizione migliore per dormire in gravidanza

Cerca di prendere l’abitudine di dormire sul fianco fin dalle prime fasi della gravidanza. Stare stesi sul lato e con le ginocchia flesse, è probabilmente la posizione più comoda che puoi adottare nel corso di tutta la gravidanza.

Inoltre, questa posizione giova al tuo cuore, perchè il peso del bambino non va a schiacciare la vena cava inferiore, quel grosso vaso che riporta il sangue al cuore dai piedi e dalle gambe.

Alcuni medici raccomandano specificamente alle donne incinte di dormire sul lato sinistro, questo perché il fegato rimane sul lato destro dell’addome, e sdraiarsi sul lato opposto aiuta a opprimerlo con l’utero.

Inoltre, il dormire sul fianco sinistro migliora la circolazione verso il cuore, e garantisce il miglior apporto di sangue al feto, all’utero ed ai reni. Chiedi al tuo medico che cosa ti raccomanda di fare in proposito.

Ad ogni modo, non c’è bisogno di impazzire per stare attente a non girarsi durante la notte. Cambiare posizione è una parte naturale del sonno e non è possibile controllarla.

É molto probabile che durante il terzo trimestre della tua gravidanza, il corpo non si metta in certe posizioni da solo, solamente perché sono scomode.

Se ti giri sulla schiena, probabilmente il disagio che avvertirai ti sveglierà. Parla al tuo medico, il quale potrà suggerirti magari di utilizzare un cuscino per rimanere girata sul fianco.

Prova tu stessa con i cuscini per scoprire qual è la posizione che preferisci. Alcune donne trovano utile mettere un cuscino sotto l’addome o tra le gambe.

Inoltre, utilizzare una coperta arrotolata, od un cuscino cilindrico, potrebbe aiutare a diminuire la sensazione di pressione.

Puoi trovare molti cuscini per la gravidanza sul mercato. Se pensi di comprarne uno, parlane al tuo medico per capire quale sia il più adatto per te.

Come dormire bene in gravidanza

  • Non sono raccomandabili i rimedi per dormire senza una prescrizione medica, come le pillole rilassanti, ma neanche i rimedi erboristici che altrimenti puoi trovare in farmacia, in parafarmacia o al supermercato.
  • Non bere delle bevande caffeinate come il caffè, il tè e bibite.
  • Cerca di non bere molti liquidi o di non mangiare molto qualche ora prima di andare a dormire.
  • Cerca di andare a letto e di svegliarti sempre alla stessa ora, ogni giorno.
  • Cerca di non fare troppo esercizio fisico prima di andare a letto.
  • Fai invece qualcosa di rilassante, come leggere un libro, o come bere una bevanda calda, come latte e miele o tisane.
  • Se ti svegli con i crampi alle gambe, potrebbe esserti utile allungare i muscoli delle gambe prima di andare a letto.
  • Verifica col tuo medico se stai assumendo abbastanza calcio e magnesio, la mancanza dei quali potrebbe essere causare i crampi notturni.
  • Se hai delle paure ed ansie ti tengono sveglia, considera di prendere parte ad un corso preparto o ad un corso per genitori: avendo maggiori conoscenze e con la compagnia di altre donne incinte, ti sentirai sicuramente più tranquilla.

Quando non riesci proprio a dormire

Quando non riesci a dormire, alzati e fai qualcosa,

  • leggi un libro,
  • ascolta della musica,
  • guarda la TV,
  • guarda le mail o fai qualsiasi altra attività che ti piaccia.

Probabilmente alla fine ti sentirai stanca abbastanza per tornare a letto.

Se ti è possibile, recupera il sonno perso di notte facendo dei sonnellini di 30-60 minuti durante il giorno.