Consumo di cioccolata in gravidanza. Risultati di uno studio

Secondo delle indiscrezioni che stanno circolando in ambienti medici, un recente studio condotto da scienziati americani, avrebbe dimostrato che durante il periodo di gravidanza il consumo di cioccolato, ricco di flavonoidi, sarebbe in grado di migliorare le funzioni della placenta e di ridurre il rischio di preeclampsia. La preeclampsia è una sindrome che può comparire nel periodo gestazionale e che è caratterizzata dalla presenza, singola o in associazione, di edema, proteinuria o ipertensione.

Questi risultati deriverebbero da uno studio clinico controllato randomizzato doppio cieco che i ricercatori hanno condotto su di un campione di 129 donne incinte, tra le undici e quattordici settimane. E’ stato loro chiesto di consumare 30 grammi di cioccolato al giorno per dodici settimane. In tutte, vi sarebbe stato un netto incremento dell’indice di pulsatilità Doppler dell’arteria uterina: tale incremento è fondamentale per far arrivare il sangue alla placenta e al feto.

«Questo studio indica che il cioccolato potrebbe avere un impatto positivo sulla placenta, sulla crescita del feto ed il suo sviluppo, e che gli effetti della cioccolata sono non soltanto e direttamente connessi alla presenza di flavonoidi», ha dichiarato Emmanuel Bujold, uno dei ricercatori autori dello studio.

La ricerca in questione sarà presentata durante la trentaseiesima conferenza The Pregnancy Meeting che, a partire dal quattro febbraio prossimo, si terrà ad Atlanta.

Da questi primi indizi, sembra che un consumo moderato di cioccolata in gravidanza potrebbe addirittura avere effetti positivi. Non bisogna però dimenticare che, altri studi, hanno evidenziato l’esistenza di rischi connessi ad un consumo eccessivo di caffeina durante il periodo gestazionale. E poiché, come è noto, la cioccolata contiene anche della caffeina, è sempre opportuno assumerne con moderazione, evitando gli eccessi.

Foto: Vegan Feast Catering / Creative Commons (BY)

Articolo aggiornato il: settembre 10, 2016 at 11:32 am

Articoli e approfondimenti