L'episiotomia durante il parto

Pubblicità

Le teste dei bambini sono piuttosto grandi. Quando partorisci, ci sono buone probabilità che la tua vagina si laceri. Molte lacerazioni sono lievi e guariscono senza alcun problema, ma circa un terzo delle donne ha delle lacerazioni abbastanza gravi da dover essere ricucite.

L'idea di sottoporsi a un'episiotomia, in cui i tessuti vaginali vengono tagliati intenzionalmente, può sembrare eccessiva, ma ci sono situazioni in cui è la cosa migliore da fare, inclusa la necessità di prevenire una lacerazione spontanea più grande e più profonda.

Capire perché un'episiotomia potrebbe essere necessaria e sapere come prendersi cura della tua episiotomia può aiutare ad arrivare più preparati a questa evenienza.

Vediamo quindi tutto ciò che c'è da sapere sulla procedura, compresi i rischi, la cura post-operatoria e i suggerimenti per il recupero.

Che cos'è l'episiotomia durante il parto #

La parola episiotomia deriva dal greco e significa "taglio nella regione publica". Un'episiotomia infatti è un taglio pianificato del perineo (l'area della pelle tra la vagina e l'ano) durante le ultime fasi del travaglio. Tagliare questa pelle essenzialmente rende la vagina più grande, facilitando il parto e riducendo il rischio che questo possa avvenire in ritardo.

Quando è necessaria un'episiotomia durante il parto #

Il parto causa qualche forma di danno alla parete vaginale in circa l'85%-90% delle donne. La maggior parte delle lacerazioni sono di piccola entità, guariscono rapidamente e si risolvono da sole in tempi brevi. In altri casi queste lacerazioni sono più profonde e gravi e possono portare a problemi a lungo termine per la donna.

Un'episiotomia, in cui i tessuti vengono tagliati con cura per consentire l'allargamento dell'uscita per il bambino, è spesso ritenuta migliore che lasciare che una grande lacerazione avvenga naturalmente. Inoltre i rischi che un'episiotomia può comportare per il bambino sono inferiori al rischio di danni dovuti ad un parto oltre al termine.

Potrebbe essere necessario eseguire un'episiotomia nelle seguenti situazioni:

Un'episiotomia viene eseguita in circa un parto su sette e la scelta di effatuare l'intervento. Prima del travaglio è impossibile dire con certezza chi avrà bisogno di averne uno. Ci sono tuttavia alcune donne che sono più a rischio:

Come viene eseguita un'episiotomia durante il parto #

Se è necessario eseguire un'episiotomia, l'ostetrica o il medico ne discuteranno con te e spiegheranno i motivi. Procederanno solo con il tuo consenso.

L'area vaginale verrà pulita e verrà iniettato dell'anestetico locale nei tessuti che verranno tagliati. Per eseguire un taglio netto nei tessuti, partendo dalla parte posteriore della vagina, verranno usate delle forbici sterili.

Dopo il parto il taglio verrà ricucito utilizzando punti di sutura. Anche in questo caso verrà utilizzato un anestetico locale, in modo da non provare alcun dolore.

A seguito della ricucitura sarà importante che tu ti prenda cura della ferita per impedire che si infetti. La maggior parte delle ferite da episiotomia guarisce completamente entro quattro settimane, nel frattempo potresti sentire un po' di disagio, che puoi provare ad alleviare nei seguenti modi:

Rischi di un'episiotomia #

Le episiotomie vengono eseguite solo quando necessarie e quando i rischi dell'intervento sono minori dei rischi che derivano dal non farne uno.

Alcune complicazioni di un'episiotomi includono:

Prevenire un'episiotomia #

Ci sono alcune prove che le donne che usano tecniche per migliorare l'elasticità tissutale prima di entrare in travaglio hanno una ridotta possibilità di aver bisogno di un'episiotomia.

Anche alcune posizioni possono prevenire l'utilizzo di episiotomia durante il travaglio. Nello specifico sarebbe meglio favorire le posizioni laterali, a carponi, semi distese.

Durante il travaglio, poi, è importante ascoltare e seguire le istruzioni fornite dalla tua ostetrica. Ricorda poi, che solo perché hai avuto un'episiotomia durante un parto non significa necessariamente che ne avrai bisogno durante ulteriori parti.

Altri lettori anno trovato interessanti anche i seguenti articoli:

Di: Adele Paparotti / Pubblicato: