Gonadotropina corionica umana (HCG): l’ormone della gravidanza

L’ormone gonadotropina corionica umana (meglio conosciuto come hCG) è prodotto durante la gravidanza.  Esso è costituito da cellule formate nella placenta, che alimenta l’uovo dopo che è stato fecondato e si unirà alla parete uterina. L’ormone hCG è misurata in unità di milli-internazionali per millilitro (mIU / ml).

L’ormone hCG in pillole

  • I livelli di hCG possono essere rilevati da un esame del sangue circa 11 giorni dopo il concepimento e da un esame delle urine circa 12-14 giorni dopo il concepimento;
  • generalmente, durante la gravidanza i livelli di hCG raddoppiano ogni 72 ore: il livello raggiunge il suo picco tra l’ottava settimana e l’undicesima settimana di gravidanza per poi ridursi e livellarsi per il resto della gravidanza;

livelli di beta hCG durante la gravidanza

 

  • Una gravidanza perfettamente sana e normale può essere accompagnati da bassi livelli di hCG; molto più importanti dei livello assoluti sono le tendenze degli stessi. Anche per tale motivo, per valutare i dati analitici rilevati occorre sempre fare sempre riferimento al proprio medico;
  • per l’hCG si utilizzano due tipi di test: il test hCG qualitativo, che rileva se l’hCG è presente nel sangue; il test hCG quantitativo (o beta hCG), che misura la quantità di hCG effettivamente presente nel sangue;
  • una volta che i livelli di hCG hanno raggiunto dei valori compresi tra i 1.000-2,000mIU/ml, un’ecografia transvaginale dovrebbe essere in grado di mostrare, almeno, l’esistenza di una sacca gestazionale.
  • un livello di hCG inferiore a 5 mIU/ml è considerato negativo, mentre valori al di sopra di 25mIU/ml, sono considerati positivi, ovvero indicativi di una gravidanza in corso;
  • un livello di hCG basso può indicare molte cose diverse e andrebbe, comunque, ricontrollato a distanza di 48-72 ore per rilevare, oltre che il suo valore assoluto, anche la sua velocità di cambiamento e la direzione del cambiamento: un basso livello di hCG  può indicare l’esistenza di,
    – un errore nel  calcolo delle settimane di gravidanza,
    – un possibile aborto spontaneo, o di un ovulo malformato,
    – una gravidanza extrauterina;
  • anche un elevato livello di hCG può voler dire molte cose cose, e dovrebbe essere ricontrollato entro le 48-72 ore per valutare le variazioni nel livello e l’eventuale direzione di cambiamento: un livello alto di hCG può indicare l’esistenza di,
    – un errore nel calcolo delle settimane di gravidanza,
    – una gravidanza molare,
    – una gravidanza multipla;
  • la maggior parte delle donne ritorna ai i propri livelli “normali” di hCG  4 – 6 settimane dopo un aborto: dopo un aborto gli operatori sanitari continuano  generalmente a testare i livelli di hCG  al fine di assicurarsi che ritorni sotto i 5 mIU/ml;
  • nei  test di gravidanza  sono estremamente rari falsi risultati positivi: possono causare un falso positivo determinate condizioni quali, ad esempio, alcuni tipi di cancro e di aborto spontaneo precoce; anche alcuni anticorpi possono interferire con i risultati del test.

I Livelli di hGC in gravidanza

I numeri che si indicano rappresentano dei valori indicativi del hGC in gravidanza che, da un caso all’altro, possono variare di molto: tuttavia si può dire, in linea generale, che durante la gravidanza conta di più il differenziale (la variazione) piuttosto che il valore assoluto di hGC1).

  • 3 settimana di gravidanza: 5-50 mIU/ml;
  • 4 settimana: 5-426 mUI/ml;
  • 5 settimana: 18 – 7340 mIU/ml:
  • 6 settimana: 1.080 – 56.500 mUI/ml;
  • 7 – 8 settimana: 7, 650 – 229.000 mIU/ml;
  • 9 – 12 settimana: 25.700 – 288.000 mIU/ml;
  • 13 – 16 settimana: 13.300 – 254.000 mIU/ml;
  • 17 – 24 settimana: 4060 – 165.400 mIU/ml;
  • 25 – 40 settimana: 3640 – 117.000 mIU/ml.

Attenzione: I numeri in questa tabella devono essere utilizzati solo a titolo indicativo e devono essere valutati dal vostro medico.

Articolo aggiornato il: giugno 7, 2017 at 19:03 pm

Articoli e approfondimenti