Salute e benessere

La gonadotropina corionica umana (HCG): l’ormone della gravidanza

La gonadotropina corionica umana / ormone della gravidanza, viene secreta dalla placenta ed è rilevabile nelle urine e nel sangue della donna.
Ci sono però anche dei test per mezzo dei quali la si può rilevare anche attraverso la saliva.

L’ormone hCG, in pillole

La gonadotropina corionica umana, meglio conosciuta come hCG (Human chorionic gonadotropin) é un ormone prodotto all’inizio della seconda settimana di gravidanza dalle cellulepre-embrionali (sinciziotrofoblasto).

E’ un ormone costituito da cellule formatesi nella placenta la quale alimenta l’uovo dopo che questi è stato fecondato e si unirà alla parete uterina.

L’ormone hCG viene misurato in unità di milli-internazionali per millilitro (mIU / ml).

I livelli di hCG possono essere rilevati circa 11 giorni dopo il concepimento attraverso un esame del sangue, e circa 12-14 giorni dopo il concepimento attraverso un esame delle urine.

Nel corso di una gravidanza generalmente i livelli di hCG raddoppiano ogni 72 ore: raggiungono il loro picco tra l’ottava settimana e l’undicesima settimana per poi ridursi e livellarsi nel resto della gravidanza, come appare anche dal grafico seguente:

livelli di beta hCG durante la gravidanza

Una gravidanza perfettamente sana e normale può anche essere accompagnata da dei bassi livelli di hCG.

A questo proposito, è bene precisare che sono molto più importanti le tendenze dei loro livelli assoluti e che, anche per tale motivo, occorre sempre fare sempre riferimento al proprio medico per valutare i dati analitici effettivamente rilevati.

Quanto agli esami relativi all’hCG, vengono utilizzati i seguenti test.

  • Un test hCG qualitativo, che viene fatto su un campione di urine; questo esame rileva se l’hCG è presente nel sangue e quindi se è in corso una gravidanza o meno: può quindi risultare positivo o negativo.
  • Un test hCG quantitativo (o test beta hCG) il quale misura invece la quantità di hCG effettivamente presente nel sangue, e serve a monitorare la gravidanza.
  • Una volta che i livelli di hCG hanno raggiunto dei valori che sono compresi tra i 1.000 – 2,000mIU/ml, per tenerla monitorata e per vedere come sta procedendo è maggiormente utile un’ecografia transvaginale la quale dovrebbe essere in grado di mostrare almeno l’esistenza di una sacca gestazionale.

Premesso che i valori dei vari test possono variare da laboratorio a laboratorio, un livello di hCG inferiore a 5 mIU/ml viene generalmente considerato un valore negativo, mentre i valori al di sopra di 25mIU/ml sono considerati dei valori positivi, ovvero indicativi di una gravidanza in corso.

Un basso livello di hCG può indicare molte cose diverse, e in ogni caso andrebbe  comunque ricontrollato a distanza di 48-72 ore per rilevare oltre che il suo valore assoluto, anche la sua velocità di cambiamento dei valori, e la direzione di questi cambiamenti. A parte ciò, un basso livello di hCG può indicare l’esistenza,

Anche un elevato livello di hCG può voler dire molte cose e dovrebbe essere ricontrollato entro le 48-72 ore per valutare le variazioni nei suoi livelli e l’eventuale direzione dei suoi cambiamenti. Un livello alto di hCG può indicare l’esistenza,

Dopo un aborto, la maggior parte delle donne ritorna ai i propri livelli “normali” di hCG  4 – 6 settimane: al fine di assicurarsi che ritorni sotto i 5 mIU/m dopo l’aborto,  generalmente gli operatori sanitari continuano a testare i livelli di hCGl.

I falsi risultati positivi sono estremamente rari nei test di gravidanza. Possono causare un falso positivo alcune determinate condizioni, quali ad esempio,

  • alcuni tipi di cancro e di aborto spontaneo precoce;
  • ma anche alcuni anticorpi possono interferire con i risultati del test.

I livelli di hGC in gravidanza

I numeri che ora indicheremo rappresentano dei valori-indicativi dell’hGC in gravidanza, in quanto possono variare anche di molto da un caso all’altro.

Tanto premesso, si può in linea generale dire però che durante la gravidanza conta di più il differenziale (la variazione), piuttosto che il valore assoluto di hGC.[1]. Ecco i valori indicativi  relativamente alle varie settimane:

  • nella 3° settimana di gravidanza: 5 – 50 mIU/ml;
  • nella 4° settimana: 5 – 426 mUI/ml;
  • nella 5° settimana: 18 – 7.340 mIU/ml:
  • nella 6° settimana: 1.080 – 56.500 mUI/ml;
  • 7° – 8° settimana: 7. 650 – 229.000 mIU/ml;
  • 9° – 12° settimana: 25.700 – 288.000 mIU/ml;
  • 13° – 16° settimana: 13.300 – 254.000 mIU/ml;
  • 17° – 24° settimana: 4.060 – 165.400 mIU/ml;
  • 25° – 40° settimana: 3.640 – 117.000 mIU/ml.

Avvertenza: I valori indicati in questa tabella devono essere utilizzati solo a titolo meramente informativo, in quanto è solo il vostro medico che deve valutarli.

Se ti è piaciuto questo articolo, continua a seguirci iscrivendoti alla nostra Newsletter, oppure puoi anche seguirci su Facebook.