Il muco cervicale e la fertilità: le cose da sapere

Pubblicità

Man mano che si avvicina l’ovulazione, aumenta la produzione di estrogeni da parte delle cellule ovariche la quale porta ad una maggiore secrezione da parte della cervice di muco “fertile”.

Questo muco – conosciuto muco cervicale o come muco cervicale albuminoso – chiaro e filante ha una consistenza simile a quella dell’albume d’uovo. Questa sua consistenza e il suo pH che si attesta intorno ad 8, costituiscono un ambiente perfetto per la protezione dello sperma.

La secrezione del muco cervicale – la cd leucorrea ovulatoria o premestruale – ha un ruolo fondamentale nel concepimento, in quanto dà nutrimento allo sperma e lo protegge mentre questi viaggia attraverso il sistema riproduttivo femminile per incontrare l’ovulo.

Una buona secrezione di muco cervicale nel periodo fertile aumenta le probabilità di concepimento. Per cui, se in quel periodo gli presterai attenzione potrai essere anche in grado di individuare i tuoi giorni più fertili.

sistema riproduttivo femminile

Identificare i cambiamenti del muco cervicale #

Il modo più preciso per osservare i cambiamenti del muco, è di raccogliere ed osservare un campione di muco ogni giorno. A tal fine:

  1. lavati e asciugati bene le mani, poi inserisci nella vagina il tuo dito medio o indice cercando di arrivare il più vicino possibile alla cervice.
  2. anche quando ti asciughi potresti notare la presenza del muco cervicale sulla carta igienica.

Puoi affidarti ad entrambi questi metodi (avvicinarti alla cervice col dito –  osservare la carta igienica): cerca solo di utilizzare sempre lo stesso metodo, regolarmente ogni giorno. Poi,

Le informazioni che seguono illustrano la tipica progressione in termini di quantità e di qualità del muco cervicale che ci si può aspettare di vedere con l’avanzamento del ciclo mestruale.

dopo la mestruazione #

attorno al giorno dell’ovulazione #

durante l’ovulazione #

dopo l’ovulazione #

La quantità di muco inizia a diminuire ed a diventare di consistenza più solida. Dopo aver monitorato i cambiamenti del tuo muco cervicale,

Entrambe queste condizioni possono ostacolare gli sforzi di concepimento, rendendo difficoltoso allo sperma di viaggiare efficientemente e in sicurezza lungo la tuba di Falloppio per incontrare l’ovulo e per fecondarlo.

Una produzione insufficiente di muco cervicale “fertile”, oppure la presenza di muco cervicale “ostile”, possono essere dovuti a tutta una varietà di fattori come la dieta, lo stress, problemi ormonali, o perfino ad alcuni medicinali come il Clomid.

Come migliorare la quantità e qualità del muco cervicale #

Se ti accorgi che durante il periodo fertile mensile non stai producendo una quantità sufficiente di muco cervicale, o che questo non è di qualità “fertile”, i seguenti suggerimenti potrebbero esserti utili a migliorare la quantità e qualità del tuo muco cervicale:

  1. Il fatto di mantenersi idratati è sempre molto importante: quindi cerca di bere abbastanza acqua.
    • La disidratazione non favorisce certamente i tentativi di concepimento.
    • Se non stai bevendo acqua a sufficienza, le tue membrane mucose (inclusa l’area della cervice) non saranno sufficientemente umide.
    • Il tuo corpo tratterà per le funzioni corporee più essenziali la propria “riserva d’acqua”.
  2. Assumi un integratore alimentare a base di acido folico (cioè a base di vitamine del gruppo B).
  3. Alcuni sostengono che anche gli integratori di vitamina E possano migliorare la qualità del muco cervicale.
    • Tuttavia se stai assumendo degli anticoagulanti (compresa l’aspirina in dose ridotta) non dovresti assumere vitamina E. (2)
  4. Si pensa che anche l’aminoacido L-arginina possa aiutare ad aumentare il muco cervicale, aumentando il flusso sanguigno e la circolazione attorno agli organi riproduttivi. (2)
  5. E’ stato anche affermato che  il succo di pompelmo ed il tè verde possano migliorare la qualità del muco cervicale, ma non ci sono prove che supportino queste affermazioni.
    • Sii tuttavia consapevole che alcuni farmaci non possono essere combinati col succo di pompelmo. (2)

Prima di assumere un qualsiasi integratore alimentare, parlane con il tuo medico.

Informa sempre il tuo ginecologo circa eventuali rimedi erboristici o “naturali”, poiché alcuni di questi possono interagire con i farmaci per la fertilità.

Alcuni consigli e curiosità #

Premessa.

Puoi controllare il tuo muco cervicale guardando la carta igienica dopo aver fatto pipì (come abbiamo detto), oppure valutando le perdite presenti sui tuoi indumenti intimi. In realtà esiste anche un metodo naturale basato sull’analisi del muco cervicale: il Metodo dell’Ovulazione Billings, più comunemente noto come metodo Billings.

Non controllare il tuo muco cervicale durante o subito dopo un rapporto sessuale.

E’ una cattiva idea controllarlo dopo il sesso perché è fin troppo facile confondere lo sperma con le secrezioni cervicali. (2)

Considera di controllare il tuo muco cervicale subito dopo i movimenti intestinali.

Se riscontri diverse chiazze di muco cervicale fertile, cerca altri segni di ovulazione differenti.

Alcuni medicinali potrebbero interferire coi tuoi fluidi cervicali.

Se non riscontri mai del muco cervicale fertile, informa il tuo medico. #

Potresti notare la presenza di muco cervicale fertile subito prima della mestruazione.

Uno o due giorni dopo aver avuto un rapporto sessuale, potresti confondere lo sperma con il muco cervicale albuminoso.

Con l’esperienza, imparerai a distinguerli, ma per quanto riguarda i tentativi di concepimento, fai come se ti stessi avvicinando all’ovulazione e segna comunque tutto sul tuo calendario.

Non cercare di lavare via i tuoi naturali fluidi vaginali.

Riferimenti bibliografici 1. Cervical Mucus Monitoring. (n.d.). Retrieved from http://www.med.unc.edu/timetoconceive/study-participant-resources/cervical-mucus-testing-information/
2. Cervical Mucus and Your Fertility. (2018, June 12). Retrieved from http://americanpregnancy.org/getting-pregnant/cervical-mucus/

Altri lettori anno trovato interessanti anche i seguenti articoli:

Di: Adele Paparotti / Pubblicato: