Parto e post-parto

In questa sezione, e relative sotto-sezioni affrontiamo nel dettaglio le tematiche relative al parto e il post-parto.

Sepsi puerperale di una neomamma

Sepsi puerperale di una neomamma

La sepsi puerperale è un'infezione certa o sospetta associata a un danno d’organo che si verifica dalla rottura del sacco amniotico al 42esimo giorno dopo il parto. Si verifica principalmente dopo la dimissione, nelle prime 24 ore dal parto.

Colore del latte materno

Colore del latte materno

Come cambia il colore del latte materno durante l'allattamento. Quale significato hanno i diversi colori.

Emmoragia postpartum

Emmoragia postpartum

Si parla di emmoragia post partum quando una donna dopo aver partorito ed aver espulso la placenta ha una perdita di sangue di superiore ai 1000 mL o perdita di sangue accompagnata da sintomi o segni di ipovolemia entro 24 h dalla nascita. L’emmoragia post partum è una condizione grave, ma rara, che può presentarsi...

Dimagrire dopo il parto: come rimettersi in forma dopo una gravidanza

Dimagrire dopo il parto: come rimettersi in forma dopo una gravidanza

Hai appena partorito ed hai già incominciato a pensare a come rimetterti in forma? Vediamo come farlo in modo sano ed equilibrato.

Quando andare in ospedale per il parto

Quando andare in ospedale per il parto

Una gravidanza dura in media 280 giorni, cioè 9 mesi e 10 giorni, quindi 40 settimane dal primo giorno dell’ultima mestruazione. Il che significa che una donna può normalmente partorire alla 37a settimana ed arrivare anche alla 41a ed oltre: la gravidanza che continua oltre 42+0 settimane (294 giorni) di età gestazionale viene definita protratta.

I sintomi di avvicinamento al parto

I sintomi di avvicinamento al parto

I segnali che indicano che il travaglio si avvicina vanno dall'abbassamento della pancia alle contrazioni di Braxton-Hicks. Scopriamoli tutti

Il travaglio di parto

Il travaglio di parto

Molti sono i segni che indicano come il corpo della donna si prepara gradualmente al travaglio nelle sue varie fasi Saperli riconoscere è utile sotto diversi profili, soprattutto nelle fasi iniziali quando la gestante i sente più indecisa circa il da farsi e quando contattare l'ospedale.

Puerperio: scopriamo cosa avviene durante il periodo che segue il parto

Puerperio: scopriamo cosa avviene durante il periodo che segue il parto

Subito dopo la nascita di un bimbo, nel corpo di una donna iniziano alcune importanti mutazioni, soprattutto a livello ormonale, inoltre occorre anche considerare che il ritmo e le abitudini di vita, in presenza di un neonato, cambiano radicalmente.

Il parto cesareo: programmato, non programmato

Il parto cesareo: programmato, non programmato

Secondo uno studio Euro-Peristat datato 2015 e pubblicato su Bjog: An International Journal of Obstetrics and Gynaecology, le percentuali dei parti cesarei in Europa vanno dai 52% di Cipro ai 14.8% dell’Islanda. In Italia il tasso oscilla tra il 36 ed il 38%.

Parto eutocico e parto distocico: cosa sono

Parto eutocico e parto distocico: cosa sono

Un parto eutocico è un parto che si svolge senza la necessità di un intervento medico. E’ quello comunemente conosciuto come parto 'naturale' che avviene per via vaginale.

Parto indotto: quando viene praticato, e quali sono i metodi di induzione

Parto indotto: quando viene praticato, e quali sono i metodi di induzione

Il parto indotto è una tecnica ostetrica che, quando il bambino tarda ad uscire, o quando sussistono rischi per la sua salute o per la salute della madre, consente di far nascere il bimbo in tempi rapidi:  per esempio, quando la madre ha la pressione alta, o quando il bambino non sta crescendo o non si sta sviluppando in modo adeguato.

L'anestesia epidurale

L'anestesia epidurale

Un’anestesia epidurale non è altro che un’iniezione fatta per bloccare il dolore in una parte del corpo: è sostanzialmente non un’anestesia locale.

L'episiotomia durante il parto

L'episiotomia durante il parto

L'idea di sottoporsi a un'episiotomia, in cui i tessuti vaginali vengono tagliati intenzionalmente, può sembrare eccessiva, ma ci sono situazioni in cui è la cosa migliore da fare, inclusa la necessità di prevenire una lacerazione spontanea più grande e più profonda.

Baby blues post partum

Baby blues post partum

Molte mamme, solitamente nel giro di un paio di giorni dopo il parto, vivono una condizione molto particolare e quasi indefinita detta baby blues o maternity blues, parole che letteralmente significano malinconia, tristezza della mamma.

Depressione Post partum

Depressione Post partum

La depressione post partum colpisce tra l’8-12% delle neomamme ed insorge generalmente tra la 6^ e la 12^ settimana dopo il parto.