Il neonato al 4° mese

In questo periodo della vita del bambino le relazioni causa-effetto gli diventano più chiare, ed i giochi servono soprattutto a stimolarlo a sviluppare questa sua capacità di associazione.

Definizioni #

Il termine neonato si riferisce a un bambino dalla nascita a 28 giorni, ovvero 4 settimane, di vita. La prima settimana di vita è detta periodo neonatale precoce. Per riferirsi al bambino dal 29 giorno al 6 mese di vita è più corretto utilizzare la parola lattante. Il termine bambino è più generico e viene utilizzato in entrambe le situazioni.

Nel linguaggio di tutti i giorni, e quindi anche nelle ricerche che fate online, il termine neonato viene utilizzato come sinonimo di lattante. Per questa ragione in alcune occasioni abbiamo utilizzato la parola neonato anziché quella di lattante.

Il bebè al 4° mese di vita #

In questo momento della sua vita il neonato dovrebbe già essere in grado di riconoscere i genitori ed i volti delle persone a lui (o lei) più vicine. Anche l’interesse per le altre persone che lo circondano potrebbe aumentare.

La sua socialità fatta di grida, di contorsioni del corpo e di risate,  è molto più accentuata rispetto alle settimane passate.

La sua aumentata capacità di coordinamento, ed una sua muscolatura più sviluppata, gli permettono di afferrare, di spostare e di movimentare gli oggetti: tutte cose che non era ancora in grado di fare fino ad appena qualche settimana fa.

Resta ancora vivo il suo diretto interesse per quell’oggetto – complesso e meraviglioso – che sono le sue mani.

La vista, sopratutto quella da lontano, del neonato migliora col quarto – sesto mese d’età.

Perciò, in questa settimana oppure entro breve, vedrete che gli oggetti lontani incominciano a intrigarlo quasi quanto quelli a lui più vicini.

Lo sviluppo del neonato nel 4° mese #

13° settimana #

In questo periodo il bebé potrebbe già lasciarsi andare a lunghi «discorsi» fatti di monosillabi.

Probabilmente non è ancora in grado di combinare consonanti e vocali, ma ci proverà a breve.

14° settimana #

I sonagli e gli oggetti con le varie forme che penzolano dalla sua giostrina, gli danno la possibilità di affinare le sue abilità di coordinamento.

Ma se ha l’intenzione di farlo  – in quanto ad esempio sa che agitando un sonaglio otterrà un suono – questi giocattoli gli danno anche la possibilità di afferrarli.

15° settimana #

Fino ad ora il neonato è stato fermo (non si spostava), ma all’incirca in questo periodo incomincia a rotolare.

Questo fatto, da un lato è una sua grande conquista e una vostra grande soddisfazione, dall’altro implica che dovete incominciare a stare più attenti al dove lo metterete.

16° settimana #

Un bebè di quattro mesi diventa di giorno in giorno sempre più forte, e continua a sviluppare i muscoli del collo, del torace, delle braccia e anche gli addominali.

Quindi, anche se a lui non piace tanto, è bene che lo mettiate a pancia in giù ogni tanto: questa è la posizione ideale per fargli fare un po’ di esercizi, magari giocando un po’ con lui ed invogliandolo a muoversi, a rotolarsi, ed a provare a sollevarsi.

In ogni caso, entro la fine del quarto mese, quando sta sdraiato dovrebbe essere già in grado di girarsi su di un fianco.

Il suo peso e la sua alimentazione #

Nel quarto mese, il bebé pesa in genere tra i 5,4 ed i 7,8 chilogrammi:

Anche nel corso di questo questo periodo, il neonato deve continuare ad assumere il latte materno o il latte artificiale (latte formulato), ma potreste già incominciare a vedere i primi segnali che è pronto ad assumere anche dei cibi solidi.

Questi primi segnali sono costituiti dal fatto che il bambino,

In ogni caso, fino al sesto mese é raccomandabile mantenere normalmente una dieta liquida.

Comunque è il pediatra che segue il bambino che deve decidere caso per caso qual è il momento giusto per passare ai cibi solidi.

I giochi per i neonati di 4 mesi #

E’ importante che il neonato possa avere a sua disposizione quei giocattoli, quelle altre cose od oggetti che sono i più adatti per lui mese per mese. Nel quarto mese potrebbero essergli utili per esempio:

Quando iniziare a leggergli un libro #

Come abbiamo detto in un precedente articolo, potete iniziare a leggere per il neonato fin dalla sua nascita. Non c’è bisogno di aspettare fino a quando il bambino sarà in grado di parlare.

Anche nei suoi primi mesi di vita, leggere al bambino è una cosa utile ad aiutarlo a riconoscere i suoni, il ritmo del linguaggio, a sentirsi coccolato ed in compagnia.

La lettura rappresenta un ottimo modo di fortificare il loro legame col bambino anche per i padri, i nonni, i fratelli maggiori.

Molti studi hanno dimostrato che i bambini a cui viene abitualmente letto un libro sin dalla giovane età, sviluppano maggiori competenze linguistiche, un maggiore interesse per la lettura e – di conseguenza –  anche una migliore disponibilità per la scuola.

E’ anche utile recitargli la storia che gli state leggendo, intonando delle voci diverse per i diversi personaggi, in modo da renderla più interessante.

Nei suoi primi mesi (tra il terzo ed il sesto mese) di vita, il neonato probabilmente emetterà dei suoni e vorrà toccare le immagini che vede sul libro che voi state leggendo.

Quindi, è meglio dare la preferenza ai libri che hanno delle immagini interessanti per lui, e magari con i testi scritti che siano percepibili al tatto.

Altri lettori anno trovato interessanti anche i seguenti articoli:

Di: Adele Paparotti / Pubblicato: / Aggiornato: