Placenta accreta

Pubblicità

La placenta accreta si verifica quando la placenta, l'organo che fornisce nutrienti e altro supporto a un feto in via di sviluppo, cresce troppo in profondità nella parete uterina.

Tipicamente, la placenta si stacca dalla parete uterina dopo il parto. Con la placenta accreta, parte o tutta la placenta rimane attaccata. Ciò può causare gravi perdite di sangue dopo il parto. È anche possibile che la placenta invada i muscoli dell'utero (placenta increta) o cresca attraverso la parete uterina (placenta percreta).

Nei casi più gravi, questa condizione può essere pericoloso per la vita della madre e del bambino, può richiedere una trasfusione di sangue e persino l' isterectomia (rimozione dell'utero).

La placenta accreta si verifica in circa lo 0,2 percento di tutte le gravidanze.

Placenta Increta e Percreta #

La placenta increta e la placenta percreta sono simili alla placenta accreta, ma più gravi.

Gli ostetrici cercano di fare una diagnosi specifica di accreta, increta o percreta prima del parto utilizzando l'ecografia e la risonanza magnetica, ma ciò non è sempre possibile.

Placenta accreta, cause e fattori di rischio #

Si ritiene che la placenta accreta sia correlata ad anomalie nel rivestimento dell'utero, in genere dovute a cicatrici dopo un taglio cesareo o altri interventi chirurgici uterini.

Fattori di rischio per questa condizione sono:

Placenta accreta, sintomi #

La placenta accreta spesso non provoca segni o sintomi durante la gravidanza, sebbene possa verificarsi sanguinamento vaginale durante il terzo trimestre.

Occasionalmente, la placenta accreta viene rilevata durante un'ecografia di routine.

Placenta accreta, possibili complicazioni #

La placenta accreta può causare:

1. Placenta Accreta Overview - Brigham and Women’s Hospital. Brighamandwomens.org. Published 2021. Accessed October 5, 2021. https://www.brighamandwomens.org/obgyn/maternal-fetal-medicine/pregnancy-complications/placenta-accreta ‌

Altri lettori anno trovato interessanti anche i seguenti articoli:

Di: Adele Paparotti / Pubblicato: