Scaldabiberon

Lo scaldabiberon forse non potrà sembrare l’accessorio più indispensabile tra quelli del corredino di un neonato, ma una volta imparato a conoscerlo, ne apprezzerete così tanto i vantaggi, che vi sarà davvero difficile farne a meno.

Lo scaldabiberon è quell’accessorio che permette, tra le mura domestiche come pure in viaggio, la preparazione del pasto del bimbo in tempi rapidi, alla temperatura ideale: permette che  benessere per il bebè e la praticità per il genitore vadano di pari passo.

I vantaggi di utilizzare uno scaldabiberon

Controllo temperatura. Lo saldabiberon risponde innanzitutto all’esigenza del bebè di assumere il latte alla temperatura di 37  – che è, all’incirca, la temperatura corporea – così da mantenere intatte le sue proprietà nutrizionali ed evitargi nel contempo il rischio di lesioni o scottature:  quindi  è sconsigliabile riscaldare il biberon (o il pasto) del bimbo al forno microonde o con l’acqua bollente, consuetudine  che è piuttosto diffusa ma che non consente un controllo preciso della temperatura, consuetudine che anche potrebbe provocare un deterioramento consistente delle proprietà nutritive degli alimenti.

Rapidità. Un’altro dei fattori che rendono vantaggioso lo scaldabiberon è la velocità con cui si può rendere  pronta all’uso la pappa, così da poter soddisfare anche il bebè più impaziente.   Viene apprezzato dai genitori perché in pochi minuti   e con estrema facilità è possibile predisporre un pasto alla temperatura desiderata, rendendo superfluo l’utilizzo di pentole o di altri sistemi di riscaldamento poco pratici e che finiscono invariabilmente per causare perdite di tempo: basta un click su un pulsante.

Sicurezza.Preparare un biberon ad un bimbo che piange nel cuore della notte perché affamato ed allo stesso tempo prestargli attenzione, per il genitore  semi addormentato è importante avere le mani libere e non averle impegnate in operazioni troppo laboriose: questo è uno degli aspetti richiamano al terzo vantaggio, che non meno importante dei precedenti: la sicurezza.

La scelta dello scaldabiberon

Va, per prima cosa, verificata la compatibilità dello scaldabiberon prescelto con i biberon da voi utilizzati.

Il mercato offre un’ampia scelta di scaldabiberon, con le forme ed colori più disparati.

Design a parte,  in ogni caso sono da preferire i modelli tecnologicamente all’avanguardia, dotati di display con timer minuti e secondi e programmazione, con avviso acustico al raggiungimento della temperatura desiderata, con spegnimento automatico al termine del riscaldamento. Alcuni scaldabiberon funzionano semplicemente collegandoli ad una presa di corrente. Altri sono di tipo termico, e funzionano a vapore immettendo dell’acqua all’interno. I modelli migliori consentono di immagazzinarne una certa quantità  di liquido evitando di doverlo fare ad ogni utilizzo.
Oltre agli scaldabiberon, in commercio si possono trovare  anche degli accessori che “seguono”la crescita del bimbo,   che sono cioè in grado di scaldare anche altri pasti come i vasetti di omogeneizzati.

Lo scaldabiberon per le trasferte

Abbiamo descritto lo scaldabiberon nel suo normale uso domestico; ma come  fare in occasione di uscite prolungate o di veri e propri viaggi e di vacanze?

Allo scopo non potevano mancare i modelli per auto che,  mediante il loro collegamento alla presa accendisigari, danno le stesse prestazioni degli scaldabiberon classici. Il benessere del vostro bimbo, garantito dalla giusta temperatura del pasto, non verrà meno in nessun luogo ed in nessuna circostanza: il vostro piccolino potrà gustarsi il suo pasto senza che voi siate costretti a fermarvi.

Trattandosi di un dispositivo portatile, quindi generalmente di dimensioni inferiori rispetto a quello da casa, potrebbe implicare la necessità di un biberon di dimensioni altrettanto contenute.

Alcuni suggerimenti utili

Una volta spenti, molti scaldabiberon continuano a rilasciare calore. Perciò, si raccomanda di togliere il biberon dallo scaldabiberon, specialmente se si sta riscaldando del latte  -che a 40° – inizia il processo di perdita nutrizionale e dei fattori immunologici.

Come pulire lo scaldabiberon

Alcuni  suoicomponenti si possono facilmente smontare e lavare. Per le pulizie più accurate si consiglia l’uso dell’ aceto bianco allo scopo di eliminare completamente eventuali residui calcarei.  Quando lo lavate, fate  attenzione alle parti contenenti il materiale elettrico.

 

Articolo aggiornato il: settembre 10, 2016 at 21:17 pm

Articoli e approfondimenti



Sponsorizzati