Seggiolone

Il seggiolone

Il seggiolone é il posto più confortevole, il trono preferito di ogni bimbo dai sei ai trentasei mesi, quello in cui il bebè può venire alimentato dopo il periodo di svezzamento, in completa comodità e sicurezza.

Non solamente un’accessorio da sfruttare durante il -pur importante- momento della pappa: terminata l’alimentazione, il seggiolone può diventare un comodo posticino per fare una pennichella o per trascorrere qualche  momento spensierato di gioco.

Seggiolone: quali sono gli elementi da valutare nella sua scelta

Non occorre fare dei sondaggi per affermare il seggiolone è uno degli accessori ritenuti indispensabili nel corredino della prima infanzia.

Alcuni genitori preferiscono orientarsi verso un modello basic,essenziale. Altri scelgono modelli molto accessoriati per consentire al bimbo di fare le più diverse attività.  Conseguentemente, per venire incontro a tutte le esigenze e le necessità, sono diverse anche le offerte dei produttori di seggioloni.

Una caratteristica importante,  che non dovrebbe proprio  mai mancare in ogni seggiolone (basic o più sofisticato) è la sua attitudine ergonomia, la quale deve garantire al bimbo massimo comfort e comodità di seduta. Altrettanto importanti sono i materiali e lo spessore dell’imbottitura che devono essere comodi e “proteggere” il bimbo. L’imbottitura dev’essere agevolmente sfoderabile e lavabile in lavatrice,  cosa che dovrà essere fatta spesso nei primi anni. Alcuni modelli sono reclinabili e, dopo la pappa, consentono  al bambino di fare un riposino senza che il genitore sia costretto a spostarlo immediatamente nella culla o in una sdraietta.

Il tavolino di cui è dotato il seggiolone dev’essere  -ampio, con spazio sufficiente a contenere agevolmente sia il piatto ed il bicchiere, sia i giocattoli preferiti del bimbo -stabile sufficentemente da resistere alle sue inevitabili sollecitazioni, e senza si ribaltino troppo facilmente le stoviglie od i giocattoli che si trovano sulla sua superficie -lavabile in lavastoviglie e da ciò consegue che deve essere possibile separarlo dalla struttura.   -regolabile, sia per seguire la crescita del bimbo, sia per consentirgli una più efficace alimentazione.

E’ da preferire la cintura di sicurezza a 5 punti con imbottitura esterna, asportabile per il lavaggio e che il bimbo non deve essere in grado di aprire agevolmente.

E bene scegliere un modello che possa essere regolabile anche in altezza, differentemente in pochi mesi potrebbe risultare inadeguato e sarete costretti ad accantonarlo. Per la comodità dei bimbi più piccoli sono da preferire sicuramente i modelli con una “importante” imbottitura in cotone o in materiale sintetico, così che possano abituarsi piano piano a stare seduti e, una volta cresciuti, non daranno alcun problema ed anzi risultano molto più versatili, i modelli in materiali rigido come il PVC od il legno. 

Quale modello di seggiolone scegliere

Oltre al modello classico da casa,  in commercio si trovano vari seggioloni che rispondono ad esigenze precise.

  • Il seggiolone da viaggio è indispensabile per trasportare il bimbo in occasione di gite o di vacanze senza  dover prescindere dal comfort e dalla sicurezza. Le caratteristiche principali di questo prodotto innovativo sono, appunto la praticità nell’uso e la sua adattabilità.
  • Il seggiolone da tavolo è indicato per i genitori che preferiscono condividere con il proprio bimbo ogni momento, compreso quello dei pasti.  Lo si installa  con dei ganci al tavolo della cucina o della sala; generalmente è provvisto di tavolino. Quello da preferire è il modello predisposto alla regolazione in altezza che – proprio come quello classico – segue nella sua crescita il bimbo. Dotato di sacca da trasporto, è utilizzabile anche in ambiente esterno. Prima della sua installazione  è bene  verificare la stabilità del ripiano dove viene agganciato.
  • Il seggiolone girello si trasforma, in pochi secondi, da una “postazione pappa” ad  un accessorio, dotato di rotelle, in grado di permettere al bimbo non ancora autonomo di girare per la casa e di andare ad esplorare gli ambienti in tutta sicurezza, perché  è sorretto dalla mutanda di protezione.
Articolo aggiornato il: settembre 3, 2016 at 15:46 pm

Articoli e approfondimenti