Come e quando fare il test di gravidanza

Ultima modifica:

Pubblicità

I test di gravidanza sono strumenti diagnostici che servono ad accertare se una donna è incinta oppure no. Ce ne sono di diversi tipi, tutti basati sulla misurazione del dosaggio della subunità beta della gonadotropina corionica umana (β HCG o beta HCG) un marker definito “ormone della gravidanza” perché sin dalle prime settimane di gravidanza aumenta rapidamente e costantemente nel corpo della donna.

I diversi test di gravidanza possono rilevare:

  1. il beta HCG nel sangue: in questo caso gli esami sono totalmente affidabili,
  2. il beta HCG nelle urine: questi esami sono affidabili al 99%,
  3. il beta HCG nella saliva: i test salivari sono poco utilizzati in Italia, e sono affidabili al 98%. [1, 2, 3]

Alcuni di questi test di gravidanza possono essere fatti a casa propria sulle urine, sono i cosiddetti “fai da te” o domestici. Nella clinica medica si rileva la presenza di questo ormone con un test urinario oppure nel sangue. [4]

I primi test domestici sulle urine risalgono al 1976. Da allora sono diventati gli strumenti diagnostici prenatali più utilizzati in tutto il mondo. Per accertare l’avvenuto concepimento, quelli domestici valutano il livello di β-HCG presente nella saliva oppure nelle urine. Quelli sulle urine sono costituiti da uno stick in plastica su cui urinare o da immergere nell’urina. ​Per evitare errori spesso vengono venduti in confezione da due, in modo da ripetere l’esame tre-quattro giorni dopo il primo test.

Va detto anche che recentemente sono apparsi sul mercato anche test sul sangue da poter fare a casa propria.

La gonadotropina corionica umana: cenni #

Come detto, questi test si basano sulla rilevazione della ​​​concentrazione dell’​ormone beta-HCG o – meglio – della subunità beta della gonadotropina corionica umana.

La gonadotropina corionica umana è un ormone prodotto in gravidanza dalle cellule del trofoblasto molto presto. dopo l’impianto dell’ovulo fecondato nell’utero quando la placenta inizia a svilupparsi producendo quantità crescenti di hCG. Per questa ragione, per i test di gravidanza viene considerato un valido marker . [4]

L’hCG può essere rilevato nel sangue materno già otto giorni dopo il concepimento. [14] Col progredire della gravidanza il suo livello aumenta giornalmente di circa il 50%, raggiungendo un picco di circa 100.000 mlU / ml alla decima settimana.

Dopodiché i suoi livelli diminuiscono, e rimangono stabili per il resto della gravidanza a circa 20.000 mIU / ml. [15] Il livello raggiungere il suo plateau a circa 45 giorni dal concepimento. [4]

I suoi livelli nel sangue sono leggermente inferiori all’inizio della gravidanza nelle donne che hanno un indice di massa corporea pre-gravidanza (BMI) superiore alla media. [4]

I suoi livelli possono essere rilevati anche nella saliva.

L’hCG (oltre che nel sangue materno e nella saliva) può essere rilevato con un test urinario in quanto il suo andamento nell**‘urina** (non i suoi valori assoluti) rispecchia quello nel sangue [16]: la maggior parte dei kit per uso domestico lo rileva solamente se vi é presente in quantità non troppo basse.

Quando fare il test di gravidanza #

Le donne sessualmente attive in età riproduttiva, hanno ogni mese una possibilità di gravidanza. Per quanto ti riguarda, per fare un test volto ad accertare il tuo eventuale concepimento,

E’ del tutto evidente che se la donna fa troppo presto il test corre il rischio di avere un risultato “falso negativo” di essere “falsamente non incinta”.

Comunque, ecco alcuni dei segnali che possono suggerirle l’opportunità di fare un test di gravidanza.

Il mancato ciclo mestruale. L’amenorrea, o assenza di mestruazioni è uno dei primi e più affidabili segni dello stato di gravidanza. Molte donne hanno un ciclo mestruale di 28 giorni. Se questo è il tuo caso, considera di fare un test quando è passato più di un mese dall’ultima mestruazione.

Le perdite da impianto. Inizialmente in alcune gravidanze si possono avere delle perdite di sangue simili alla mestruazione.

I crampetti uterini. L’impianto può dare alle donne sensazioni simili ai crampi mestruali.

I seni che fanno male.

I seni che fanno male. Per poter sostenere la crescita del bambino il corpo della donna produce sempre maggiori estrogeni e progesterone, e questi ormoni iniziano subito a produrre dei cambiamenti nel corpo femminile:

La nausea, le avversioni alimentari, gli stress, le minzioni frequenti. Anche questi sono gli effetti prodotti sul corpo della donna dall’aumento degli ormoni in questo periodo, in particolare dall’hCG.

L’affidabilità dei test di gravidanza urinari #

Attualmente non esistono criteri standard per testare, per valutare, e per comparare in modo oggettivo le prestazioni dei vari strumenti per i test urinari.

Sono molte le aziende che affermano che i loro prodotti sono estremamente precisi nel rilevare l’eventuale concepimento. Uno studio fatto nel 2014 in Germania su 15 test di gravidanza da banco, è giunto tuttavia alla conclusione non tutti danno dei risultati corrispondenti a quanto scritto nei loro foglietti illustrativi: allora  ben circa il 50% dei test non aveva la sensibilità dichiarata. [6]

Neppure oggi, i test di gravidanza domestici hanno sempre la sensibilità che promettono. Per cui quelli che vengono descritti  con affermazioni mirabolanti circa la loro sensibilità e il loro rilevamento precoce, vanno valutati con cautela essendo improbabile che siano all’altezza di quanto dichiarato.

Ad ogni modo, stando ad uno studio scientifico i test approvati anche della FDA (la Food and Drug Administration americana) sembrano avere prestazioni in linea con quanto dichiarato.[6]

A parte ciò, l’affidabilità dei risultati dei vari test non dipende solamente dalle prestazioni biochimiche dei loro sistemi, ma anche dal come e dal quando vengono eseguiti, argomenti questi che affronteremo nei successivi paragrafi.

Per concludere: nell’accertamento del concepimento,

L’unica loro “vera” alternativa rimane sempre quella del prelievo sanguigno: il test clinico di gravidanza.[6]

Come si fa un test di gravidanza #

I kit dei test di gravidanza da poter fare a casa propria sulla pipì o sulla saliva, sono rapidi e facili da usare.

Tutti si basano sull’immunometria, cioè su un’analisi immunometrica che utilizza degli anticorpi monoclonali o policlonali per legare l’hCG. Questi elementi producono una reazione che si traduce in cambiamenti di colore, tradizionalmente visualizzati attraverso la comparsa di strisce, mentre i più recenti test digitali li visualizzano con le parole  “Incinta” o “Non incinta”. [4].

Le versioni più avanzate di questi kit sono in grado – anche – di quantificare il livello di hCG presente nelle urine in modo da poter fornire alle donne anche una stima della durata della loro gravidanza (in settimane dalla gestazione). [7] E’ questo il caso del test di gravidanza digitale Clear-blue.

confezione clearblue

foto: it.clearblue.com

Per esempio, il “Test di Gravidanza Clearblue™ Con Indicatore Delle Settimane” della SPD Swiss Precision Diagnostics GmbH, Svizzera) è in grado di misurare il livello di hCG e d’indicare anche da quante settimane si è verificato il concepimento: da 1-2 settimane, da  2-3 settimane e da già di 3 settimane dall’ovulazione / concepimento. [8] Questo test si basa sulla stretta relazione esistente tra la gonadotropina corionica umana hCG e l’età gestazionale.

E’ stato dimostrato che i risultati del test concordano bene (> 90%) con i risultati per età gestazionale calcolati utilizzando misurazioni della lunghezza vertice-sacro (CRL: la lunghezza massima dell’embrione, esclusi gli arti) di 11-13 settimane e la durata della gravidanza calcolata in base all’ovulazione. [8]

La linea di evaporazione #

In alcuni strumenti per i test di gravidanza compaiono spesso delle linee chiamate linee di evaporazione. Si tratta di linee più o meno marcate che si manifestano per il fatto che l’urina presa in esame si sta asciugando.

Ma andiamo con ordine. Alcuni kit per la gravidanza ci visualizzano due linee rette: una linea per il controllo, ed un’altra linea per il test vero e proprio.

Se non hai familiarità con questo tipo di esami, potresti pensare di essere incinta quando vedi entrambe queste due linee. Tuttavia la loro simultanea comparsa non necessariamente vuol dire che sei incinta: la seconda linea potrebbe essere infatti una semplice linea di evaporazione, quindi non indicativa di una gravidanza in corso.

Per distinguere tra una linea di positività ed una linea di evaporazione, devi tener presente, 1) che l’evaporazione è il passaggio di un liquido allo stato aeriforme, 2) che la linea di evaporazione visualizza i risultati sull’urina che si sta asciugando.

Perciò, quando fai a casa tua un test di gravidanza, per non fare confusione e per avere un risultato accurato, controlla i risultati del test nei periodi temporali indicati dalle marche che li producono.

Test di gravidanza positivo o test negativo #

Ogni test di gravidanza può darci dei risultati positivi o risultati negativi.

-1- un risultato positivo #

Solitamente un test di gravidanza ha due strisce (oppure due punti) una vicina all’altra. Se hai fatto un test delle urine a casa tua, il risultato che ottieni è da considerarsi positivo:

-2- un risultato negativo #

Quasi sicuramente non sei incinta in presenza di un risultato negativo. Se però poi non ti si dovesse ripresentare il ciclo mestruale, è bene che tu faccia un nuovo test perché potresti averlo fatto in anticipo, quando ancora non erano misurabili i livelli di hGC.

Test di gravidanza falsi positivi e quelli falsi negativi #

Ogni test di gravidanza può darci anche dei risultati falsi positivi o falsi negativi.

Un risultato falso positivo (raro) #

Un risultato è falso positivo quando il test risulta positivo anche se la donna non è incinta. Le possibili cause di un falso positivo possono dipendere:

  1. da un aborto recente, o da un parto recente. Nei giorni successivi a questi eventi (aborto recente, o parto recente) possono rimanere alti i livelli di  β-HCG nel sangue e nelle urine, e quindi causare dei falsi positivi. Infatti l’hGC può rimanere nell’organismo fino a sei settimane dopo la fine della gravidanza. Se l’aborto è stato spontaneo, è anche possibile che non sia stato eliminato del tutto il tessuto relativo alla gravidanza, e questo farà sì che rimangano alti i livelli di hCG. [8]
  2. dall’assunzione di alcuni farmaci. I farmaci contro l’ansia (come le benzodiazepine, il diazepam o l’alprazolam) possono innalzare leggermente i livelli di hGC : in presenza di altri fattori, come un recente parto o un aborto recente, possono portare a dei falsi positivi. Altri farmaci che potrebbero portare a dei falsi positivi, sono gli antipsicotici, gli  anticonvulsivanti, i farmaci per il morbo di Parkinson, i diuretici, gli antistaminici, il metadone. [9, 10] Anche i farmaci per la fertilità a base di menotropina (per il trattamento dell’infertilità ) e carbamaz​​​epina possono falsare i risultati.
  3. da una gravidanza biochimica: cioè un aborto spontaneo che si è verificato poco dopo l’impianto, agli inizi della gravidanza. [10]
  4. da una gravidanza ectopica, quando un uovo fecondato s’impianta al di fuori della cavità principale dell’utero può comportare una gravidanza ectopica, comunemente chiamata gravidanza extrauterina. [10]
  5. da alcuni difetti cromosomici del feto.
  6. dalla presenza di cisti ovariche: piccole sacche piene di liquido presenti nelle ovaie.
  7. dal kit del test che è scaduto o rovinato: l’umidità ed il calore possono danneggiare lo stick.
  8. da alcuni farmaci o trattamenti per favorire la fertilità.
  9. da alcuni errori nell’esecuzione del test. Uno degli errori più comuni è di fare il test troppo presto, il che può causare un falso negativo o un falso positivo. Ma anche fare il test quando l’urina é diluita eccessivamente con l’acqua (per questo motivo si consiglia spesso di eseguire il test dopo il risveglio mattutino). Un altro errore è non lasciare nell’urina l’asta di livello esattamente per il tempo richiesto.
  10. dalle strisce di evaporazione, chiamate anche ghost-line. A volte appare sullo strumento anche una linea di colore debole, la cosiddetta linea di evaporazione non indicativa (come abbiamo detto) di una gravidanza. [10]
  11. da alcune malattie o disturbi, come infezioni del tratto urinario, una malattia renale, una cisti del corpo luteo, un cancro ovarico.  [10]

Un risultato falso negativo #

Questo è il caso in cui una donna è incinta, ma il test non lo rileva. Ciò può accaderti per esempio: [11]

  1. Quando fai il test troppo presto: per avere risultati più precisi dovresti fare il test una settimana dopo un periodo mancato, quando è più probabile che il livello di HCG sia rilevabile. Se non puoi aspettare così a lungo, chiedi al medico che ti faccia un esame del sangue.
  2. Nel caso avessi assunto diuretici che abbiano diluito la pipì di molto.
  3. Quando rilevi il risultato del test troppo presto: dagli il tempo di lavorare. Prendi in considerazione d’impostare un timer in relazione alle istruzioni del “pacchetto”.
  4. Quando fai il test su delle urine troppo diluite: pertanto, per avere dei risultati più accurati, fai il test a digiuno e con la prima urina del mattino quando questa è più concentrata.
  5. Nel caso stessi seguendo una terapia ormonale sostitutiva.

La maggior parte delle donne va in farmacia (o direttamente online) ad acquistare quanto necessario per fare i test a casa propria. I test attualmente in commercio sono molto precisi ed attendibili. Ma per avere la certezza che i risultati ottenuti evidenzino la realtà, occorre procedere con le dovute accortezze e precauzioni.

1- Occorre tener conto di alcune cose, in particolare #

​​​La maggior parte dei test può essere effettuata in qualsiasi momento della giornat​​​a, ma il momento migliore è sicuramente il mattino subito dopo il risveglio. In questa fascia oraria infatti l’urina è alquanto concentrata, ed il test sarà attendibile al massimo.

Occorre ovviamente anche evitare di assumere troppi liquidi prima, ciò in quanto (anche se è improbabile che accada) una grande quantità di liquidi diluisce l’ormone della gravidanza presente nelle urine e potrebbe alterare quindi il risultato.

Va da sé che è bene seguire le avvertenze che si trovano nella confezione del prodotto acquistato.

2- Al riguardo è bene sapere anche quanto segue #

Che un eventuale errore di rilevazione si ha – quasi sempre – allorquando si é in presenza di un risultato negativo. In altre parole, se il risultato é positivo il margine d’errore è quasi nullo; se invece è negativo potrebbe anche essere possibile che sia in atto una gravidanza. Cò potrebbe accadere, sia quando il test di gravidanza viene fatto troppo presto, sia quando il kit è stato tenuto in un ambiente troppo caldo o troppo freddo, oppure quando viene utilizzato dopo la data di scadenza. [12]

Che la – rara – eventualità di un “falso positivo”  potrebbe invece verificarsi quando la donna ha avuto un bambino da poco.

Che ci sono alcune condizioni patologiche, come i tumori endocrini e la talpa idatiforme (un ammasso di cellule anomale che si sviluppano nell’utero) che possono anche “imitare” i cambiamenti ormonali rilevati. [13]

Il test di gravidanza da fare in ambito domestico #

– 1- Sulle urine #

Sostanzialmente ci sono tre diversi tipi di test domestici  da poter fare ambito domestico: quelli tradizionali, quelli digitali, quelli cosiddetti «precoci».

risultati test

Tutte queste tre tipologie forniscono solo un’analisi qualitativa. Vediamole una ad una brevemente.

il test tradizionale #

il test digitale #

il test precoce #

– 2- Sulla saliva #

Il test di gravidanza salivare é pratico, semplice, indolore. E’ affidabile al 98%: quindi l’esito deve eventualmente essere confermato (o meno) da un test sul sangue.

Basta un campione di saliva per identificare la presenza dell’ormone. In Italia viene poco utilizzato e lo si può acquistare su internet.

I costi dei test di gravidanza domestici #

I kit per fare i test di gravidanza in ambito domestico – a volte impropriamente chiamati kit  “fai-da-te” – possono essere acquistati presso farmacie o negozi tradizionali, oppure anche online.

I loro prezzi sono sempre accessibili. Se intendi acquistarli online, di seguito indichiamo alcune delle offerte che ci paiono interessanti.

Il test di laboratorio sul sangue #

Ancorché i test da potersi fare a casa siano generalmente affidabili, un’analisi del sangue fatta da un laboratorio è sempre più affidabile anche se questi si basano sullo stesso stesso principio dei test domestici.

Il test di gravidanza sul sangue è una metodica in grado di rilevare più precocemente e con maggiore precisione la presenza in circolo della beta HCG: con il prelievo ematico effettuato a tre-quattro giorni dalla presunta fecondazione

A differenza degli altri, è che si tratta di test quantitativi che vengono fatti sul sangue. Sono particolarmente utili,

I risultati dei test di laboratorio li si conoscono generalmente entro le ventiquattro ore.

Questi esami danno risultati (quantitativi) che sono più precisi e più veloci di quelli effettuati sulle urine, in quanto l’ormone hGC appare nel sangue ben prima di passare nelle urine per essere eliminato attraverso le stesse.

Oltre che a confermare la gravidanza, consentono anche di stimare con più precisione anche la data del parto, partendo dalla concentrazione degli ormoni.

Per i test di gravidanza sul sangue non è necessaria alcuna preparazione.

La rilevazione di una beta-hCG più elevata della norma #

La rilevazione di livelli di gonadotropina corionica umana (hCG) più elevati della norma può comportare un’errata datazione della gravidanza. I livelli più elevati possono anche indicare:

Riferimenti bibliografici
  1. «Test di gravidanza: quante tipologie ne esistono? | Farmachl». Consultato 5 dicembre 2018. http://farmachlcone.it/test-di-gravidanza-quante-tipologie-ne-esistono/.
  2. «Pregnancy Tests». sofeminine, 30 novembre 2007. https://www.sofeminine.co.uk/pregnancy/pregnancy-tests-s562768.html.
  3. «Il test di gravidanza salivare – Bambino si Nasce». Consultato 5 dicembre 2018. https://bambinosinasce.it/gravidanza/test-gravidanza-salivare/.
  4. Gnoth, C., e S. Johnson. «Strips of Hope: Accuracy of Home Pregnancy Tests and New Developments». Geburtshilfe und Frauenheilkunde 74, n. 7 (luglio 2014): 661–69. https://doi.org/10.1055/s-0034-1368589.
  5. «Pregnancy tests: a review. – PubMed – NCBI». Consultato 5 dicembre 2018. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/1639991.
  6. «Strips of Hope: Accuracy of Home Pregnancy Tests and New Developments». Consultato 5 dicembre 2018. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC4119102/.
  7. Johnson, Sarah R., Fernando Miro, Sophie Barrett, e Jayne E. Ellis. «Levels of Urinary Human Chorionic Gonadotrophin (HCG) Following Conception and Variability of Menstrual Cycle Length in a Cohort of Women Attempting to Conceive». Current Medical Research and Opinion 25, n. 3 (marzo 2009): 741–48. https://doi.org/10.1185/03007990902743935.
  8. «Posso essere incinta? I test sono attendibili? – Ginecologa – Blog – Repubblica.it». Consultato 5 dicembre 2018. http://ginecologa-d.blogautore.repubblica.it/2015/01/05/posso-essere-incinta-i-test-sono-attendibili/.
  9. Harvey-Jenner, Catriona. «8 Reasons Your Pregnancy Test Might Be Showing the Wrong Result». Cosmopolitan, 3 novembre 2017. https://www.cosmopolitan.com/uk/body/health/a13097823/accurate-pregnancy-test-reasons-wrong-result/.
  10. «False-Positive Pregnancy Test: 7 Possible Causes». Consultato 5 dicembre 2018. https://www.healthline.com/health/pregnancy/false-positive-pregnancy-test#chemical-pregnancy.
  11. «Home Pregnancy Tests: Can You Trust the Results?» Mayo Clinic. Consultato 5 dicembre 2018. https://www.mayoclinic.org/healthy-lifestyle/getting-pregnant/in-depth/home-pregnancy-tests/art-20047940.
  12. «Home pregnancy tests: Can you trust the results?», Mayo Clinic. [In linea]. Available at: https://www.mayoclinic.org/healthy-lifestyle/getting-pregnant/in-depth/home-pregnancy-tests/art-20047940. [Consultato: 11-apr-2019].
  13. «Pregnancy Test – Embryology». Consultato 5 dicembre 2018. https://embryology.med.unsw.edu.au/embryology/index.php/Pregnancy_Test.
  14. «Biochemical discrimination of pathologic pregnancy from early, normal intrauterine gestation in symptomatic patients. – PubMed – NCBI». Consultato 5 dicembre 2018. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/7726131/.
  15. Barnhart, Kurt T., Mary D. Sammel, Paolo F. Rinaudo, Lan Zhou, Amy C. Hummel, e Wensheng Guo. «Symptomatic Patients with an Early Viable Intrauterine Pregnancy: HCG Curves Redefined». Obstetrics and Gynecology 104, n. 1 (luglio 2004): 50–55. https://doi.org/10.1097/01.AOG.0000128174.48843.12.
  16. «Relationship between blood and urine concentrations of intact human chorionic gonadotropin and its free subunits in early pregnancy. – PubMed – NCBI». Consultato 5 dicembre 2018. https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/2434894/.

Altri lettori anno trovato interessanti anche i seguenti articoli:

Di: Adele Paparotti / Pubblicato: