13° – Tredicesima settimana di gravidanza

Author: Amelia Lucia Category: Le 40 settimane di gravidanza Tempo di lettura: 6 min

Complimenti, sei riuscita a superare un terzo del tuo viaggio, quello più difficile, verso la maternità. Il primo trimestre è terminato e comincia il secondo trimestre, con un significativo calo del rischio di aborto1, e col tuo bambino che ha completato la formazione dei principali organi e parti corporee.

tredicesima settimana di gravidanza

Lo sviluppo del feto nella 13° settimana

Lo sviluppo degli organi interni

L’intestino del bambino si continua a posizionare nella sua nuova sede all’interno dell’addome;

Pubblicità

Incominciano a funzionare gli organi principali, con il pancreas che produce l’insulina, il fegato che secerne bile, ed i reni che producono urina per trasportare all’esterno le sostanze di scarto. In questo periodo della gravidanza, l’urina viene rilasciata nel liquido amniotico che circonda il bambino.

I testicoli o le ovaie – a seconda del sesso del feto – hanno già finito di crescere. 2 Un feto femmina avrà ora nelle sue ovaie circa due milioni di ovuli, e questo numero continuerà ad aumentare per poi ricalare ad un milione al momento della nascita. 3

Le corde vocali iniziano a formarsi.

Lo sviluppo delle ossa e dei muscoli

Intorno a questo periodo, il tessuto osseo inizia a crescere nelle minuscole braccia e gambe, mentre all’interno delle guance i muscoli della suzione iniziano a svilupparsi.

Il bambino ha già iniziato a fare pratica con i suoi riflessi di cui avrà poi bisogno durante l’allattamento, deglutendo il liquido amniotico.

Lo sviluppo degli arti

Questa è la settimana durante la quale il bambino inizia a sviluppare – sulle punte delle sue dita- le sue impronte digitali, uniche.

Arrivato a questa settimana, da quando il feto ha iniziato a muovere le minuscole braccia e gambe, ora il bambino è in grado di mettersi il pollice in bocca.

tredicesima settimana di gravidanza

Pubblicità

L’embrione alla tredicesima settimana di gravidanza – clicca per ingrandire

L’aspetto esteriore del feto

Il tuo bambino assomiglia sempre più ad un minuscolo essere umano, con la testa e col corpo che si vanno gradualmente proporzionando.

Ora la sua testa rappresenta solo un terzo del suo corpo totale.

Le dimensioni del bambino

Il tuo piccolo miracolo è ora lungo 7.4 cm. – all’incirca la misura di una pesca- e pesa circa 25 grammi.

I cambiamenti nel tuo corpo durante 13° settimana

Dalla tredicesima settimana cominciano a sparire, assieme a molti degli altri estenuanti sintomi, le nausee mattutine che ti hanno afflitto negli ultimi 3 mesi.

E’ normale che in questa fase ti senta un po’ goffa, a causa dell’ormone relaxina che rilassa le articolazioni, i muscoli ed i legamenti.

Potresti anche notare che la tua gabbia toracica si espande leggermente per poter far posto all’utero in crescita, mentre il tuo ombelico potrebbe avere già iniziato a sporgere.

Potresti ancora avere la necessità del bagno più frequentemente del solito, ma la frequenza diminuirà presto a causa dell’utero che si sposterà dalla pelvi e dalla vescica. L’utero si sta gradualmente spostando verso l’alto, causando la formazione di una piccola protuberanza nella tua pancia.

E’ però ancora troppo presto perché chiunque -oltre a te – la noti, specialmente se sei alla tua prima gravidanza.

Le gravidanze successive o gemellari potrebbero far sì che la si veda prima.

L’ecografia alla tredicesima settimana

La pelle del feto è ancora trasparente ed un’ecografia permette di vedere i suoi vasi sanguigni e i suoi organi interni in via di sviluppo.

Sebbene gli organi sessuali abbiano quasi completato il loro sviluppo, è spesso troppo difficile determinare il sesso del bambino tramite un’ecografia alla tredicesima settimana.

tredicesima settimana di gravidanza

Ecografia alla tredicesima settimana di gravidanza – clicca per ingrandire

Un un’ecografia Doppler, potrebbe sembrarti allarmante il battito cardiaco del tuo bambino, perché doppiamente veloce rispetto al tuo.

Il suo battito diminuirà però gradualmente, fino a normalizzarsi prima della nascita.

Una ecografia mostrerà che il bambino si muove a tratti, scalciando e flettendo le piccole braccia.

E’ però ancora troppo presto perché tu possa percepire questi suoi movimenti.

I sintomi alla 13° settimana

Di positivo in questa settimana, è che i sintomi precoci della gravidanza, come la nausea, il vomito, l’affaticamento, gli sbalzi d’umore, le repulsioni alimentari ed il senso dell’olfatto aumentato, stanno finalmente iniziando a scomparire, e stai entrando nel secondo trimestre, che viene spesso considerato il meno sintomatico dei tre trimestri.

Un’altra cosa positiva che accade all’incirca nel corso di questa settimana, è che i tuoi livelli di energia ricominciano a crescere e, giorno dopo giorno, sentirai una minore sonnolenza.

Tuttavia, non ti devi preoccupare se continui a sentirti ancora debole, stanca e nauseata, in quanto ogni gravidanza è unica con i propri sintomi e disturbi.

Questi sono i sintomi che sono comuni nella tredicesima settimana:

  • un dolore addominale occasionale ed acuto a causa dell’utero che fa una maggiore pressione sull’addome;
  • un dolore al legamento rotondo dell’utero (infatti, i legamenti iniziano a tirare e ad allungarsi a supporto della rapida crescita dell’utero stesso);
  • un dolore alla schiena, alle articolazioni, alle anche ed alla pelvi;
  • vene visibili, specialmente attorno al seno e all’addome, dovute all’aumentato flusso sanguigno;
  • indigestione e bruciore di stomaco per effetto dell’aumento di pressione sul tratto gastrointestinale, e per i livelli di ormoni della gravidanza che rallentano ancora di più il processo di digestione;
  • gonfiore, meteorismo, flatulenza;
  • costipazione a causa degli ormoni della gravidanza;
  • mancanza di fiato;
  • insonnia;
  • comparsa di smagliature sull’addome, sui fianchi e sui glutei;
  • seno più grande (mentre la gravidanza procede, l’indolenzimento inizia a scomparire gradualmente);
  • sbalzi d’umore che rispetto alle prime settimane potrebbero essere meno frequenti;
  • voglie alimentari o un maggiore appetito;
  • vertigini e svenimenti occasionali;

​I segnali a cui prestare particolare attenzione4

  • Un sanguinamento vaginale inspiegabile associato ad altri sintomi come, crampi addominali, nausea, dolori alla parte bassa della schiena, vertigini: potrebbe essere indice di complicazioni gravi o addirittura di un aborto;
  • nausea e vomito della durata maggiore di 12 ore, così gravi da impedirti di trattenere qualsiasi liquido, dato che aumentano il rischio di disidratazione;
  • secrezioni vaginali chiare o di color paglia, le quali potrebbero indicare delle perdite di liquido amniotico;
  • un dolore e/o una sensazione di bruciore durante la minzione che potrebbero indicare l’esistenza di infezioni ai reni, o al tratto urinario;
  • un forte dolore nella parte alta dell’addome, assieme ad una visione sfocata, a nausea ed a mal di testa, cose che potrebbero indicare un’ipertensione o una pre-eclampsia;
  • sanguinamento, o macchioline di sangue rosso acceso;
  • grave difficoltà nella respirazione, associata a stanchezza, a palpitazioni ed a un dolore al petto, circostanze che potrebbero indicare la presenza di un’anemia;
  • un grave affaticamento, o la sensazione di sentirti sempre esausta;
  • un improvviso aumento delle secrezioni vaginali;
  • sintomi simil-influenzali quali il naso che cola, la gola infiammata, tosse, febbre e brividi.

Consigli per una gravidanza serena e un bambino sano4

  • utilizza una parte della tua riacquista energia per fare regolarmente un’attività fisica come, ad esempio, fare una breve passeggiata o nuotare: il tuo medico saprà darti consigli per il tuo caso specifico;
  • evita di indossare vestiti troppo stretti in quanto potrebbero fare pressione sulla tua pancia: se sei a corto di vestiti, considera di acquistare qualche capo d’abbigliamento adatto alla maternità;
  • prendi in considerazione l’iscrizione a corsi di yoga prenatale ed a corsi di educazione per le neo-mamme;
  • evita di fare dei movimenti improvvisi, come ad esempio alzarti o girarti troppo velocemente, dato che potrebbero provocare stordimento e dolori ai legamenti;
  • chiedi al tuo medico consiglio riguardo all’avere rapporti sessuali se hai avuto degli aborti, dei parti pre-termine o una condizione chiamata placenta previa (quando la placenta si inserisce nella parte bassa dell’utero coprendo la cervice.
  • segui una dieta sana e ben bilanciata per prevenire aumenti di peso improvvisi (ora, che stai iniziando ad avere di nuovo appetito, hai bisogno di circa 300 calorie extra);
  • nella tua dieta quotidiana inserisci degli alimenti che contengano molto ferro, proteine, ed anche dei vegetali ricchi di calcio, che sono i nutrienti più essenziali alla corretta crescita fetale;
  • continua ad assumere le vitamine “prenatali”;
  • dormi sul fianco, perché dormire sulla pancia non è raccomandabile da questo momento in poi;
  • consulta il tuo medico se stai pensando di usare delle lozioni o delle creme anti-smagliature;
  • esegui tutte le necessarie visite di controllo prenatali.

Video di ecografie alla tredicesima settimana


Ti potrebbe anche interessare