La gravidanza, spiegata bene

Gravidanza

Una gravidanza dura in media 40 settimane. Inizia il primo giorno dell’ultimo ciclo mestruale e termina il giorno del parto. Se il parto avviene nel periodo che intercorre tra tre settimane prima e due dopo la data attesa del parto, quindi tra la 37° e la 42° settimana, la gravidanza viene considerata a termine; e avviene prima della settimana 37 viene considerata pretermine; se avvien dopo la settimana 42 viene considerata post-termine.

Ci sono alcune cose che deve sapere chi sta vivendo una gravidanza o chi sta cercando di rimanere incinta. Con i nostri articoli le illustreremo una a una in modo semplice.

Chi invece vuole sapere subito e in sintesi di più sulle principali 10 cose sulla gravidanza può leggere qui.

Ultimi articoli pubblicati

  • I test di gravidanza: tutto quello che c’è da sapere

    I test di gravidanza: tutto quello che c’è da sapere

    Come si fa un test di gravidanza? Quanto prima lo si può fare? Quando il test di gravidanza può sbagliare? A queste ed ad altre domande risponderemo, in modo semplice e preciso, nel seguente articolo.

  • Le settimane di gravidanza: calcolo, datazione, tracciamento

    Le settimane di gravidanza: calcolo, datazione, tracciamento

    Una gravidanza dura circa quaranta settimane (ovvero 280 giorni). Fino alla prima ecografia non siamo in grado di datare in modo preciso il periodo di gestazione e di determinare la data presunta del parto. Tuttavia, grazie ad un semplice calcolo (con nostro calcolatore) sono possibili stime abbastanza precise.

  • Prima e seconda settimana di gravidanza: sviluppo embrione e sintomi

    Prima e seconda settimana di gravidanza: sviluppo embrione e sintomi

    La cosa più intrigante a proposito la 1 e 2 settimana di gravidanza è che esse vengono considerate parte della tua gravidanza, nonostante tu non rimanga incinta prima della terza settimana.

  • Bruciore di stomaco in gravidanza

    Bruciore di stomaco in gravidanza

    Il bruciore di stomaco – spesso accompagnato anche da un reflusso acido gastroesofageo – è un disturbo comune in gravidanza. Può essere causato da cambiamenti ormonali e dall’utero in crescita che preme contro lo stomaco. Puoi alleviare e prevenire il bruciore di stomaco apportando alcune modifiche alla tua dieta e al tuo stile di vita,

  • Colore del latte materno

    Colore del latte materno

    Il colore del latte materno cambia e cambia nel tempo. Può addirittura mutare nel corso di una stessa giornata o anche all’interno della stessa poppata. A seconda di quello che mangi può acquisire delle sfumature verdi, rosa, rossa, ecc. A volte può persino acquisire un colore marrone o ruggine, se si mischia con del sangue.

  • Voglie in gravidanza: quando iniziano, come affrontarle e quando preoccuparsi

    Voglie in gravidanza: quando iniziano, come affrontarle e quando preoccuparsi

    La voglie sono un desiderio irrefrenabile di un particolare tipo di cibo. Non c’è un momento specifico della gravidanza in cui iniziano: è diverso per ogni donna e non tutte le donne le sviluppano. Se inizi ad avere voglie, probabilmente sarà nel tuo primo trimestre, probabilmente già intorno alla 5-6 settimana di gravidanza. Diventeranno più

  • Il seno in gravidanza: come cambiano mammelle e capezzoli durante la gestazione e dopo il parto

    Il seno in gravidanza: come cambiano mammelle e capezzoli durante la gestazione e dopo il parto

    Così come il resto del corpo, durante la gravidanza il seno ed i capezzoli cambiano e lo fanno per prepararsi a produrre e fornire latte al futuro bambino. Il seno diventa più grande, i capezzoli possono mutare colore e a volte possono diventare doloranti. Tutto questo è una parte naturale della gravidanza. Come cambia il

  • Test di Coombs indiretto eseguito in gravidanza

    Test di Coombs indiretto eseguito in gravidanza

    Il test di Coombs (test dell’antiglobulina indiretto) è l’esame standard per la diagnosi di anticorpi anti-Rh in donne sensibilizzate verso sangue Rh positivo. Test di Coombs: cos’è e a cosa serve Come parte degli esami in gravidanza, il test di Coombs, noto anche come test dell’antiglobulina, viene usato per rilevare nel sangue della donna gli anticorpi

  • Emorroidi in gravidanza: cosa sono, come affrontarle e da cosa sono causate

    Emorroidi in gravidanza: cosa sono, come affrontarle e da cosa sono causate

    Le emorroidi sono i cuscinetti di tessuto del canale anale che contribuiscono alla discriminazione del contenuto rettale, al mantenimento della continenza e all’evacuazione. In condizioni normali ci sono e non si avvertono. Ma se si gonfiano e infiammano possono generare fastidio, dolore, sanguinamento, la sensazione di gonfiore nella zona anale, prurito, e rendere estremamente spiacevole il

  • Cosa sono e a cosa servono le prostaglandine?

    Cosa sono e a cosa servono le prostaglandine?

    Le prostaglandine sono dei composti alifatici che si trovano nei tessuti dei mammiferi e di altri organismi e che sono dotate di spiccate proprietà biologiche. Nel campo ostetrico intervengono nell’avvio delle contrazioni e quindi si utilizzano anche sotto forma di farmaco per provocare o indurre il parto. Continua a leggere per saperne di più sulle

  • Come cambia il corpo in gravidanza

    Come cambia il corpo in gravidanza

    La gravidanza e i cambiamenti associati sono un normale processo fisiologico del corpo della donna in risposta allo sviluppo – prima – dell’embrione – e poi – del feto. Dal momento in cui si impianta l’embrione, le fibre muscolari dell’utero si ispessiscono, si iniziano a formare la placenta e il liquido amniotico, il volume del

  • Test DNA fetale

    Test DNA fetale

    Il test del DNA fetale – a volte chiamato test DNA fetale, test del DNA in gravidanza, o esame DNA fetale – è un prelievo prenatale non invasivo (o Nipt, dall’inglese Non Invasive Prenatal Test) utilizzato per determinare il rischio che il feto nasca con alcune anomalie genetiche.

  • L'ovulazione

    L'ovulazione

    L’ovulazione è il momento il cui l’ovocita viene rilasciato dalle ovaie. Questo avviene al 14 giorno del ciclo mestruale.

Indice

Come inizia la gravidanza

La gravidanza è una condizione fisiologica che inizia quando gli spermatozoi fecondano un ovulo del sistema riproduttivo femminile rilasciato al momento in cui si verifica l’ovulazione: questo processo biologico viene chiamato concepimento.

L’ovulo fecondato viaggia verso il basso dell’utero dove avviene l’impianto (nidazione o annidamento): si tratta di un processo in cui la cellula uovo fecondata s’impianta nella parete uterina e dove inizia a svilupparsi l’embrione.

Normalmente l’impianto si verifica 6 o 7 giorni dopo la fecondazione dell’uovo, e non genera nessun tipo di dolore (tutt’al più produce delle perdite).

Al momento dell’impianto è ancora presto per sapere – per mezzo di un test di gravidanza – se una donna è incinta. Tuttavia alcune di loro iniziano più presto ad avvertire alcuni sintomi indicativi di una gravidanza in corso: nausea, tensione e gonfiore del seno e fastidio ai capezzoli, fastidio ad alcuni tipi di odori, maggiore sensibilità ed irritabilità, dolori alla schiena, ecc..

Altre donne per avvertire i primi sintomi devono invece aspettare ancora delle settimane quando saranno gli sbalzi dei livelli ormonali a farsi sentire.

La durata della gravidanza

E’ noto che una gravidanza normale dura circa 280 giorni (40 settimane circa, ovvero 9 mesi lunari). A 37 settimane questa può essere considerata ancora a termine. Ma potrebbe anche durare fino a 42, quando in genere viene indotto il parto.

Infatti solo il 5% dei bambini nasce alla data “stabilita”.

  1. Quelli che nascono prima della 37° settimana sono pre-termine.
  2. Come già detto, quelli che nascono tra la 37° e la 42° settimana, sono considerati a termine;
  3. Quelli nati dopo sono post-termine.

Esami in gravidanza

Se stai programmando di restare incinta, o se hai appena scoperto di esserlo, dovresti prendere contatto con specialisti in ginecologia ed ostetricia esperti in medicina fetale. Questi ti indicheranno gli esami da fare in modo che durante la gestazione e poi nei mesi e negli anni a venire, tu e tuo figlio possiate godere di una buona salute.

Alcuni degli esami che potrebbero consigliarti, sono i seguenti.

L’acido folico durante la gravidanza

“L’acido folico è il primo regalo per i futuri bebè”

Quando decidi di avere un bambino (ma anche prima se non ti affidi a metodi contraccettivi di sicura efficacia), l’assunzione di acido folico è una delle cose che saranno più utili alla sua salute.

Come spiega la dott.sa Domenica Taruscio in questo video, “se assumi questa vitamina prima del concepimento puoi ridurre del 70% il rischio che il tuo bambino sviluppi gravi malformazioni congenite“. Secondo la Fondazione Veronesi “l’integrazione della dieta con acido folico dovrebbe essere idealmente intrapresa a partire da almeno un mese prima del concepimento (nelle gravidanze programmate) a un dosaggio pari a 400 microgrammi al giorno“.

I più comuni sintomi all’inizio di una gravidanza

Ecco in sintesi alcuni dei più comuni segnali / sintomi che possono allertare la donna circa una sua possibile gravidanza (per saperne di più puoi leggere quest’altro articolo) .

  1. mancata mestruazione – uno dei primi segnali è la mancanza di mestruazioni (amenorrea).
  2. vomito e nausea mattutina – anche la nausea mattutina è spesso il primo segnale che sta ad indicare che una donna è incinta. Il vomito è una conseguenza della nausea mattutina e di solito compare nel primo trimestre per effetto degli ormoni in crescita.
  3. modificazioni del seno – pure i cambiamenti al seno costituiscono uno dei primi evidenti segnali di una gravidanza in corso.
  4. mal di testa – specialmente all’inizio, sono comuni i mali di testa: di solito sono causati dai livelli ormonali alterati ed anche dall’aumentato volume del sangue della donna.
  5. spotting – all’inizio, alcune donne possono avere un leggero sanguinamento e spotting.
  6. aumento di peso – nei primi tre mesi di gravidanza l’aumento di peso delle gestanti è ancora abbastanza contenuto ma diventa più evidente verso l’inizio del secondo trimestre.
  7. ipertensione – a volte sale la pressione sanguigna delle future mamme.
  8. bruciori di stomaco – gli ormoni rilasciati durante la gravidanza possono a volte rilassare quella valvola che si trova tra lo stomaco e l’esofago: quando l’acido dello stomaco fuoriesce può causare dei bruciori.
  9. stitichezza – i cambiamenti ormonali che si verificano all’inizio della gravidanza possono “rallentare” il sistema digestivo e causare un po’ di stitichezza.
  10. crampi – quando i muscoli dell’utero iniziano ad allungarsi e ad espandersi, potresti sentire una sensazione di trazione che ricorda i crampi mestruali.
  11. mal di schiena – gli ormoni e lo stress sui muscoli sono le principali cause dei mali di schiena nel primo trimestre.
  12. anemiada carenza di ferro – le donne incinte hanno un maggior rischio di anemia: attenzione che una carenza di ferro non trattata può portare ad un parto prematuro e ad basso peso del bambino alla nascita.
  13. depressione – i numerosi cambiamenti biologici ed emotivi che si hanno sia durante sia dopo la gravidanza, possono contribuire a peggiorare una preesistente condizione di depressione, oppure causarla.
  14. insonnia – nelle prime fasi della gravidanza l’insonnia è un altro sintomo abbastanza comune: le cause possono essere lo stress, un disagio fisico ed i cambiamenti ormonali.
  15. acne – per effetto dell’aumento degli ormoni androgeni,all’inizio della gravidanza molte donne hanno l’acne.
  16. dolore all’anca – un dolore all’anca è abbastanza comune in questo periodo e tende ad aumentare col passare delle settimane della gravidanza.
  17. diarrea – le donne incinte hanno frequenti diarree ed altre difficoltà digestive: le possibili cause di questi fenomeni sono i cambiamenti ormonali, i cambiamenti nella dieta e lo stress.

L’alimentazione in gravidanza

La donna dovrebbe seguire un’alimentazione equilibrata, priva di quelle sostanze che potrebbero nuocere sia lei che al nascituro. Una particolare attenzione ai cibi e alle bevande è fondamentale.

  1. I latticini – lo yogurt in particolare – sono utili a soddisfare le maggiori necessità della donna quanto a proteine ​​e calcio.
  2. I legumi sono “super fonti” di folati (e quindi anche di acido folico),di fibre, e di molti altri nutrienti.
  3. Le patate dolci sono un’ottima fonte di beta carotene che il corpo della donna trasformerà in vitamina A: la vitamina A è importante per la crescita e la differenziazione delle cellule del feto in crescita.
  4. Il salmone contiene gli acidi grassi essenziali omega-3 EPA e DHA, che sono importanti per lo sviluppo del cervello e degli occhi nel bambino; ed è anche una fonte naturale di vitamina D.
  5. Le uova intere sono un ottimo modo per aumentare l’assunzione di nutrienti: contengono anche la colina (nota anche come vitamina J) un nutriente essenziale per la salute e lo sviluppo del cervello del bambino.
  6. Le verdure a foglia verde ed i broccoli sono ricchi di nutrienti ma sono anche ricchi di fibre, le quali possono servire a prevenire / curare la stitichezza.
  7. La carne magra è una buona fonte di proteine ​​di alta qualità, ma anche di ferro, di colina e di vitamine del gruppo B.
  8. I cereali integrali sono ricchi di fibre, di vitamine del gruppo B e di magnesio.
  9. La frutta secca, piccola e ricca di nutrienti, è un ottima scelta per fare spuntini e per i pranzi al sacco.
  10. L’acqua è importante poiché aumenta durante la gravidanza il volume del sangue. Inoltre un’idratazione adeguata può anche prevenire la stitichezza e le infezioni del tratto urinario.

Cibi e bevande da evitare

a) Da evitare sono:

  • l’alcol,
  • i cibi con elevati contenuti di mercurio,
  • i cibi crudi,
  • il latte non pastorizzato,
  • i formaggi molli, quelli maturati con le muffe, quelli tipo Gorgonzola, Roquefort,
  • i funghi.

b) Possibilmente da evitare è l’assunzione delle seguenti sostanze in gravidanza:

  • i dolcificanti artificiali, come l’aspartame;
  • il glutammato monosodico e gli altri additivi chimici;
  • i cibi e le bevande gassate “light”;
  • gli oli vegetali e gli acidi grassi trans;
  • qualsiasi erba, droga o medicinale non approvato dalla tua ostetrica o dal tuo medico;
  • il bisfenolo A e le sostanze contenenti delle plastiche;
  • lo sciroppo di mais contenente molto fruttosio;
  • i coloranti alimentari artificiali.

c) La caffeina: tra le sostanze che bisognerebbe non assumere in gravidanza, la caffeina merita una particolare attenzione.

La caffeina è utile alle donne principalmente per “restare sveglie” : però ha anche l’effetto di aumentare leggermente la pressione sanguigna, la frequenza cardiaca, e la quantità di urina prodotta dal corpo.

  • Poi, come del resto tutte le altre sostanze che la futura mamma assume, è in grado di attraversare la placenta e di raggiungere il feto.
  • In più, potrebbe anche causare una diminuzione del flusso di sangue alla placenta, con conseguenti problemi per il futuro bambino.
  • Ma non solo. Una quantità eccessiva di caffeina farebbe aumentare il rischio di un aborto spontaneo.

Considerato quanto appena detto, sarebbe bene in linea generale non assumere caffeina durante la gravidanza.

Gli ormoni durante la gravidanza

La gravidanza porta nel corpo della donna numerosi cambiamenti. Può trattarsi dei tipici cambiamenti fisici come il gonfiore, la ritenzione di liquidi, Ma ce ne possono essere anche alcuni meno comuni come alcuni cambiamenti nella vista.

Questi sono dovuti in buona parte ai cambiamenti ormonali. A questo proposito ricordiamo,

  • che anche se i test di gravidanza più diffusi si basano sull’ormone gonadotropina corionica umana (Beta hCG, detto anche ormone della gravidanza),
  • i principali ormoni prodotti dal corpo delle future mamme durante la gestazione sono gli estrogeni ed il progesterone,
  • e che in gravidanza una donna produce più estrogeni che durante tutta la sua vita quando non è incinta.

Calcolatore delle settimane di gravidanza

Una gravidanza dura circa quaranta settimane (ovvero 280 giorni). Fino alla prima ecografia, non è possibile datare in modo preciso il periodo di gestazione e determinare la data presunta del parto. Tuttavia, grazie ad un semplice calcolo (col nostro calcolatore) si possono fare delle stime abbastanza precise al riguardo.

Il momento del travaglio e quello del parto

Ogni parto è unico e personale proprio come ogni madre e come ogni bambino. Non solo: ogni donna può vivere esperienze completamente diverse in occasione di ogni suo travaglio / parto .

Il parto è un evento che cambia la vita della donna: le lascerà un segno per il resto della sua vita. Ovviamente la futura mamma vorrà vivere un’esperienza positiva e vorrà anche sapere cosa aspettarsi in questa occasione.

Ecco alcune informazioni su ciò che accade o può accadere in prossimità del travaglio e durante il parto.

Domande frequenti sulla gravidanza

Essere incinte, specialmente se si tratta della prima gravidanza inevitabilmente solleva nella donna molte domande. Forse ti starai chiedendo come sapere se sei davvero incinta ed anche se poi avrai delle voglie, per esempio. Sono domande perfettamente normali, specialmente perché il tuo corpo sta attraversando molti cambiamenti. Ci auguriamo che le seguenti 5 risposte possano esserti utili, ma soprattutto ti aiutino a restare calma e serena.

Come faccio a sapere se rimasta incinta?

Il primo e più affidabile sintomo di una gravidanza è un mancato ciclo. Ce ne sono altri, ma questo è di gran lunga il principale e quello più significativo. Se hai un ciclo mensile regolare, normalmente le mestruazioni arrivano circa 4 settimane dall’inizio dell’ultima mestruazione. Per scoprire se sei incinta, puoi fare un test di gravidanza a partire dal primo giorno in cui manca il ciclo. I più diffusi test per la gravidanza si basano sulle urine e sono molto affidabili. Una volta avuto un esito positivo, consulta subito il tuo medico di famiglia per gli esami prenatali.

Quando iniziano le voglie?

Non c’è un periodo specifico in cui iniziano le voglie di cibo in gravidanza: varia da donna a donna e non è detto che capitino a tutte. Se inizi ad averle, sei probabilmente nel primo trimestre della gravidanza. Alcune donne già alla 5 settimana iniziano ad averle. Diventeranno più intense nel secondo trimestre per poi terminare del tutto in quello successivo. Se hai delle voglie di cibo, cerca di mangiare nel modo più salutare possibile cercando di ridurre al minimo le tentazioni malsane. Se hai voglie strane (es. mangiare il dentifricio o altre sostanze non commestibili) parlane con il tuo medico perché potresti avere una qualche carenza di vitamine o sali minerali.

Quando diminuiscono i rischi di un aborto spontaneo?

La maggior parte degli aborti spontanei si verifica nel primo trimestre, prima della dodicesima settimana di gravidanza. Un aborto spontaneo nel secondo trimestre (tra le settimane 13 e 19) si verifica tra l’1% ed il 5% delle gravidanze.

A quale settimana di gravidanza mi trovo?

Una gravidanza dura normalmente tra le 37 le 42 settimane a partire dal primo giorno dell’ultimo ciclo. Per risalire a che settimana di gravidanza ti trovi, devi conoscere il primo giorno dell’ultimo ciclo ed inserirlo in un calcolatore della gravidanza. Se non conosci la data o non sei sicura, parlane con un’ostetrica o con un ginecologo.

Cosa devo fare appena so di essere rimasta incinta ?

Fissa il prima possibile una visita dal ginecologo il quale calcolerà la presunta data del parto basandosi sulla data delle tue ultime mestruazioni. Questi, oltre a fissare i prossimi appuntamenti con te ed i primi esami da fare, ti darà tutte le indicazioni per affrontare la gravidanza con serenità. Controllerà il tuo peso e la tua salute generale e ti darà alcuni consigli sul tipo di alimentazione da seguire, sulle cattive abitudini da eliminare e tanto altro ancora.

Quanto dovrei aumentare di peso in gravidanza?

L’aumento di peso in gravidanza varia da donna a donna. La maggior parte delle donne aumenta tra i 10 kg ed i 13 kg: la maggior parte del peso dopo la 20° settimana. Gran parte dell’aumento è dovuto al peso del bambino ed al grasso che il corpo della gestante accumula per produrre il latte dopo la nascita del bambino.

Come faccio a sapere quando sono rimasta incinta?

Periodo mancato. Se sei in età fertile ed è trascorsa una settimana o più senza che sia iniziato il previsto ciclo mestruale, potresti essere rimasta incinta. Tuttavia, questo sintomo può essere fuorviante in presenza di un ciclo mestruale irregolare.
Seni teneri e gonfi. All’inizio della gravidanza i cambiamenti ormonali potrebbero rendere il seno della donna sensibile e dolorante. Questo disagio probabilmente diminuirà dopo alcune settimane, mentre il suo corpo si adatta ai cambiamenti ormonali.
Nausea con o senza vomito. La nausea mattutina, che può manifestarsi a qualsiasi ora del giorno o della notte, spesso inizia uno o due mesi dopo la gravidanza. Tuttavia, alcune donne avvertono la nausea prima mentre altre non la avvertono mai. Sebbene non sia chiara la causa della nausea, probabilmente hanno un ruolo gli ormoni della gravidanza.
Aumentata minzione. Potresti ritrovarti a urinare più spesso del solito. Durante la gravidanza aumenta quantità di sangue nel tuo corpo, facendo sì che i tuoi reni sono gravati dal liquido in eccesso che poi va a finire nella vescica.
Fatica. Anche la stanchezza è rientra nei primi sintomi della gravidanza. Nessuno sa con certezza cosa la causi durante il primo trimestre di gravidanza. Tuttavia, il rapido aumento dei livelli dell’ormone progesterone all’inizio della gravidanza potrebbe contribuire all’affaticamento.

Come ci si sente al primo mese di gravidanza?

Oltre al mancato ciclo mestruale, i primi sintomi della gravidanza sono costituiti da una sensazione di stanchezza, da una sensazione di gonfiore, una aumentata minzione, sbalzi d’umore, nausea, seno tenero o gonfio.

Cosa fare e cosa non fare nelle prime settimane di gravidanza?

Non consumare junk food e dolci che aumentano il rischio di diabete gestazionale. Vanno evitati il fumo, l’alcol e la caffeina. Ricorda che qualsiasi cosa tu introduci nel tuo corpo raggiunge anche il tuo bambino quando sei incinta.